Un dessert con le pere per il WHB#410

14 novembre 2013

Ciao amici, mi sono resa conto che vi sto inondando di ricette, ma è un periodo di grande fermento, so che poi arriveranno i periodi di stanca o quelli nei quali sarò così impegnata all'università che sarà impossibile dedicarmi all'arbanella, perciò me la godo ora, con tutte le raccolte e i contest che mi attirano e mi divertono. Tanto per dirvi cosa ci aspetta, mi sono fatta un calendario con le cose che voglio postare da qui a Natale: non c'è più una sera libera. Se non sarò in casa, dovrò programmare il post! Non so se devo preoccuparmi o starmene serena. Mia nonna in queste situazioni diceva: l'hai voluta la bicicletta? allora pedala ;)

Stasera perciò vado da CRISTINA che ospita il WHB#410. 

Questo evento è stato iniziato da KALYN nel 2005 e continua ogni settimana da allora. Dal novembre del 2008, l'organizzatrice internazionale della raccolta è HAALO e l'organizzatrice dell'edizione italiana è BRII. QUI potete trovare tutte le raccolte settimanali. 
 



Ecco la mia ricetta.



PERE AL COGNAC E PEPE



4 pere Decana
200 g di zucchero
qualche bacca di pepe di Szechuan
100 ml di cognac
40 g di uvetta
1 limone












Sbucciate le pere lasciando il picciolo e passatele con il succo di limone perché non anneriscano. Versate lo zucchero in una casseruola con 300 ml di acqua, unite il pepe e portate a ebollizione. Quando lo zucchero sarà sciolto, unite il cognac, l'uvetta e le pere e fate cuocere coperto per circa 20 minuti. Verificate la cottura con uno stecchino. Se il sughetto non fosse denso, togliete le pere e fate consumare un po'; fate raffreddare e servite.







Vi racconto qualcosa della pera. 
La pera è un pomo, cioè un falso frutto del genere Pyrus. E' ricca di zuccheri semplici, soprattutto fruttosio, e di potassio. Ne esistono diverse varietà: william succosa e con buccia sottile; decana con polpa dolce, gustosa e compatta, adatta alla cottura; abate succosa, dolce e dissetante; kaiser granulosa, leggermente acidula e aromatica; coscia con polpa bianca, dolce e granulosa; passa crassana con polpa molto profumata e sentore di rosa.
Viene usata per la pasticceria, ma accompagna molto bene anche piatti salati, come carni e risotti.

Ciao, miei pazienti lettori, torno domani sera, bacissimi ;)

13 commenti:

  1. Carla!! mi ero persa tente ricettine ma....sono impegnatissima in questo periodo! stiamo facendo dei lavori in casa e ....nn ti dico!!
    poi ci sono anche gli ospiti da seguire e arrivo a fine ed inizio settimana sempre con la lingua fuori!!
    speriamo di riprendere una parvenza di normalità altrimenti si muore!!!
    domani sera comunque, voglio fare per dessert queste pere che mi intrigano molto e visto che ho ospiti a cena, sai che figurone!!!
    baci

    RispondiElimina
  2. Non vedo l'ora di vedere tutte le tue ricette!!!!:) Saranno sicuramente tutte deliziose come queste pere!!!!
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  3. Non sono una patita della frutta cotta...ma con il Cognac...
    A presto!!

    RispondiElimina
  4. questa ricetta mi piace tanto!!! mi piacciono le pere cotte sia semplicemente che aromatizzate come questa che hai fatto!!! è proprio bella!!! io mi sto dedicando al blog il sabato e la domenica, la sera sono stanchissima!!! Pedalo poco!!! bacioni

    RispondiElimina
  5. buonissime! ho giusto delle pere in casa e voglio proprio prepararlo!
    un abbraccio Linda

    RispondiElimina
  6. Ciao amica mia, stai serena... riuscirai a far tutto e benissimo, scommettiamo? ;) <3 Che delizia il tuo dessert, ottime le pere così e poi adoro l'uvetta :) Un abbraccio forte forte e sogni d'oro amica mia, tvb <3

    RispondiElimina
  7. ciao Carla, come va? sono contenta che tu abbia un sacco di ricette da mostrarci, quest'ultima mi sembra un'opera d'arte o una creazione in pasta di mais, ma oltre che bella da vedere è anche buona da mangiare.......comunque ti auguro una buona serata e io come al solito ti saluto e vado a sistemare un pò...ti abbraccio simona:)))

    RispondiElimina
  8. ma dai con il pepe...l'ho trovato a Londra, usato una sola volta...ho un dubbio amletico, devo passarlo al mortaio??? Illuminami ... Questa pera è deliziosa, ci vorrebbe proprio ora.... un bacione!

    RispondiElimina
  9. Mmm...che voglia! Sto per andare a dormire ma una pere di queste me la mangerei volentieri!!!!
    Notte
    Bacioni
    Silvia

    RispondiElimina
  10. Ciao Carla. Anche io ho un sacco di ricette in progetto ma non riesco a essere così ligia. C'è sempre qualcosa che mi fa rimandare. Poi ieri ho provato una ricetta nuova e mi è venuto fuori un pastrocchio immangiabile !!! :-(

    RispondiElimina
  11. Allora bisogna pedalare Carla :-) e seguire ciò che diceva la nonna :-) un bacione e non avrai nessun problema, farai tutto e bene :-) buon fine settimana

    RispondiElimina
  12. Ciao, t'invito alla mia nuova raccolta di ricette dolci e salte con il mandarino! :) http://lacucinadipaolabrunetti.blogspot.it/2013/11/partecipa-alla-nuova-raccolta-di_13.html

    RispondiElimina