Il menù rosso-oro




13 dicembre 2017

Eccoci all'appuntamento di IDEA MENU' che per le feste sceglie i colori rosso e oro e non poteva essere altrimenti! Nei paesi nordici oggi si festeggia Santa Lucia, per omaggiare la luce in uno dei giorni più corti dell'anno.




Ma venite a vedere cosa vi abbiamo preparato.

L'antipasto è da Paola: antipasto rosso oro
Il primo è da Linda: risotto allo zafferano con speck croccante
Il secondo è da Sabrina: arista al latte con zafferano e melograno
Il dolce è qui: mousse di yogurt greco alle fragole  
La 5° portata è da Laura: pane alla curcuma






MOUSSE DI YOGURT GRECO ALLE FRAGOLE       

6 fette di pan brioche
300 g di fragole
250 g di yogurt greco
200 g di ricotta piemontese (seiras)
3 cucchiai di zucchero semolato
1 cucchiaio di succo di limone

Tagliate il pane con due coppapasta ricavandone 4 dischi grandi e 4 più piccoli. Fatele dorare nel tostapane. Lavate le fragole, eliminate il picciolo e tenetene da parte 4 per la decorazione. Affettate le altre e mettetele in una casseruola con lo zucchero semolato, il succo del limone e 3 cucchiai d’acqua. Cuocete fino a che il liquido si addensa quindi passate al mixer ottenendo un puré grossolano. Lavorate con le fruste lo yogurt e la ricotta finché saranno soffici e leggermente montati. Mettete sul fondo di quattro bicchieri i dischi piccoli di pane e coprite con la mousse di yogurt, quindi con il puré di fragole. Ripetete gli strati e terminate con un fiocchetto di mousse. Decorate con i dischi grandi di pane e con le fragole rimaste. Servite fresco.




Torniamo il prossimo mercoledì con il menù delle feste e per lasciarvi i nostri auguri, a presto!

LIGTH & TASTY: le lenticchie




11 dicembre 2017

Buongiorno amici, eccoci alla seconda uscita di dicembre della nostra rubrica LIGHT & TASTY. Oggi vi proporremo piatti con le lenticchie, che in queste feste, soprattutto a capodanno, la fanno da padrone!




Allora, sedetevi a tavola con noi!


Con qualche piccola modifica, questa ricetta arriva da Sale & Pepe. Un antipasto perfetto 😋




ROSTI DI LENTICCHIE ROSSE CON CAPESANTE     

1 patata
1 scalogno
80 g di lenticchie rosse
1 tuorlo
8 noci di capesante
8 foglie di salvia
4 fette di prosciutto crudo
500 ml di brodo
olio EVO, sale

Lessate la patata in acqua e sale, quindi scolatela e schiacciatela con una forchetta. In una pentola fate appassire lo scalogno tritato con 3 cucchiai di olio, unite le lenticchie ben lavate, fatele insaporire, quindi coprite con il brodo caldo e cuocete coperto per 10 minuti. Le lenticchie dovranno essere asciutte e un po’ al dente. Mescolatele con la patata, il tuorlo e il sale necessario. Mettete un po’ d’olio in una padella antiaderente, unite il composto di lenticchie in 8 cucchiaiate che schiaccerete un po’ con dorso di un cucchiaio. Cuocete i rosti 2 minuti per parte, quindi toglieteli e teneteli al caldo. Lavate le capesante, copritele con una foglia di salvia e avvolgetele in mezza fetta di prosciutto, rosolate velocemente nella stessa padella in cui avete cotto i rosti. Adagiate ogni capasanta su un rosti e servite subito.




Buona settimana alla prossima!

Quanti modi di fare e rifare lo zelten




10 dicembre 2017

Ciao a tutti, oggi ci siamo riunite nella cucina della Cuochina per preparare un buonissimo dolce trentino: lo zelten.
Volevo però preparare quacosa di più veloce rispetto alla ricetta fornitaci dalla Cuochina e così cercando in rete ho trovato che in Sud Tirolo lo zelten viene confezionato in forma di grosso biscotto da regalare a Natale.  
Ho seguito allora la ricetta di Giallo Zafferano e ho prodotto quello che troverete qui sotto. I miei piccoli zelten serviranno come segnaposto a tavola e come fermapacco goloso per i regali.
 



ZELTEN SUDTIROLESE   

150 g di fichi secchi morbidi
100 g di uvetta sultanina
40 g di pinoli
50 g di mandorle pelate
50 g di gherigli di noce
30 g di cedro candito
la scorza di ½ arancio e la scorza di ½ limone non trattati
1 bicchierino di cognac o rum
35 g di miele millefiori
25 ml di vino bianco
½ cucchiaino di cannella
½ cucchiaino di chiodi di garofano macinati
½ cucchiaino di noce moscata

per l’impasto
80 g di farina 00
60 g di farina integrale
½ cucchiaio di olio di riso
75 ml di acqua tiepida
½ cubetto di lievito di birra
1 cucchiaino di miele + un po’ per la decorazione

Tagliate i fichi a cubetti e metteteli in una ciotola con l’uvetta, bagnate con il liquore e lasciate riposare affinché il liquido venga assorbito. Sminuzzate intanto e noci e tagliate le mandorle a filetti. Quando la frutta avrà assorbito il liquido unitevi noci, mandorle, pinoli, la buccia grattugiata del limone e dell’arancio, la noce moscata, la cannella, i chiodi di garofano e il miele che avrete fatto sciogliere con il vino a fuoco basso. Mescolate bene, quindi coprite la ciotola con la pellicola e fate riposare tutta la notte in frigo.
Il giorno dopo sbriciolate il lievito nell’acqua tiepida e unitevi il cucchiaino di miele, quindi fate riposare una decina d minuti. Setacciate le farine in una ciotola, unitevi l’olio e il lievito e impastate. Fate una palla, mettetela in una ciotola infarinata, coprite con la pellicola e mettete a lievitare finché non avrà raddoppiato di volume. Versate sulla spianatoia la frutta secca, senza il liquido se ne fosse rimasto e tenendone da parte un paio di cucchiai, e mettetevi sopra la pasta lievitata, quindi lavorate il tutto, finché avrete un impasto omogeneo. Stendetelo a uno spessore di circa 2 cm e con dei tagliabiscotti ricavate dei grossi dolcetti. Spennellate gli zelten con qualche cucchiaio di miele sciolto sul fuoco e fate riposare per 30 minuti. Ricoprite con la frutta secca tenuta da parte, spennellate ancora con il miele, quindi disponete i dolcetti sulla placca rivestita di carta forno e cuocete a 160° per 40 minuti circa. Sfornate e fate raffreddare. Avvolgete i biscotti nella pellicola e fateli riposare 10-15 giorni prima di consumarli.




A questo punto non posso che ringraziare la Cuochina, Anna e Ornella, perché mi hanno permesso di scoprire questo meraviglioso dolce e di realizzarlo un po' diversamente. 
Auguri a tutti, alle mie compagne di cordata e alle splendide organizzatrici di questa rubrica. Torneremo il 14 gennaio con i gnocchi alla romana. E per tutto il prossimo anno ci dedicheremo ai primi piatti regionali. Perciò continuate a seguirci.

Alla Cuochina, impareggiabile come non mai, tutto il mio affetto e tantissimi auguri!



Al km 0: ricordi d'infanzia




8 dicembre 2017

Oggi è l'Immacolata, mia mamma ci teneva molto a festeggiare con un bel pranzo in famiglia. Io sarò con la mia amica Patti che è arrivata da Pordenone: ce ne andiamo a Nizza come abbiamo già fatto l'anno scorso; la gita in Costa Azzurra sta diventando un rito!

 
eccoci in un selfie dello scorso anno


Tema di oggi della nostra rubrica Al km 0  sono i ricordi d'infanzia. Ne abbiamo tutti e spero che siamo così fortunati da averne solo belli. Per me, ricordo la dolcezza infinita del mio papà che si tramutava in sguardi brucianti se ne combinavo qualcuna delle mie. Non ha mai alzato le mani, nemmeno per qualche sberlotto, bastava che mi guardasse per farmi capire tutto. Con mamma avevo un rapporto più conflittuale, del resto era molto il tempo che passavamo insieme e ogni tanto la facevo proprio uscire dai gangheri. Sì, avevo un bel caratterino anche allora 😏 Comunque quando facevo la brava, mi premiava con una torta. Con il cacao o il cioccolato: la torta marmorizzata ad esempio era una delle mie preferite oppure questa che vi dedico oggi, fatta con le scaglie, perché quando ero piccola le gocce di cioccolato non esistevano! Naturalmente la mia mamma usava il burro e il latte. La mia versione è appena più leggera.




Insieme a noi, nel mese di dicembre, ci sarà DANIELA e allora ecco cosa vi mettiamo in tavola.

La colazione è qui: torta stracciatella 
Il pranzo è da Consuelo: risotto al limone  
La merenda è da Simona: finti vol-au-vent di frolla mandorlata e confettura home made 
La cena è da Daniela: flan di broccoli in fonduta di gorgonzola e porri 





TORTA STRACCIATELLA    

150 g di cioccolato fondente
100 g di maizena
3 uova
200 g di farina 00
120 ml di olio di riso
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito
100 ml di yogurt bianco intero
zucchero a velo

Tritate grossolanamente il cioccolato. Separate i tuorli dagli albumi e sbattete i primi con lo zucchero fino ad avere un composto chiaro e spumoso, quindi unite lo yogurt e l’olio a filo, continuando a sbattere. Incorporate quindi la farina, la maizena, la vanillina e il lievito setacciati. Aggiungete il cioccolato tritato e per ultimi gli albumi montati a neve facendo attenzione a non smontarli. Versate il composto in una tortiera da 24, imburrata e infarinata e passate in forno a 180° per 50 minuti. Controllate la cottura con lo stecchino e se necessario prolungate di qualche minuto. Spolverizzate a piacere con zucchero a velo prima di servire.


Buona festa a tutti, torniamo ancora fra quindici giorni, con altre ricette, per farvi gli auguri 😍