Crostata alla ricotta con amarene per il menù alla frutta




11 luglio 2018

Buongiorno a tutti, eccoci ad un'altra uscita di IDEA MENU': oggi vi proponiamo piatti con la frutta!




Antipasto da Paola: antipasto freddo con crema di birra, ricotta e melone 

Primo da Linda: risotto fichi e gorgonzola

Secondo da Sabrina: polpette di merluzzo con salsa alle fragoline di bosco e limone 
   
Dolce qui: crostata con farina semintegrale alla ricotta e confettura di amarene

5° portata da Laura: smoothie alla frutta  


Questa buonissima crostata è una ricetta di CLAUDIA, che ringrazio davvero molto per averla pubblicata.




CROSTATA CON FARINA SEMINTEGRALE ALLA RICOTTA E CONFETTURA DI AMARENE   

300 g di farina di grano tenero tipo 2
250 g di ricotta
1 pizzico sale
1 uovo
125 g di zucchero
1 bustina lievito per dolci
1 limone
250 g di confettura di amarene

Setacciare la farina con il lievito in una terrina e mescolate con lo zucchero. Aggiungete la ricotta, un pizzico di sale, l'uovo, la scorza grattugiata del limone e lavorate per amalgamare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Foderate una teglia con diametro 22 cm, con carta forno. Stendete 2/3 dell’impasto sul fondo della teglia, alzando un po’ i bordi. Mettete la confettura di amarene e coprite con l'impasto rimasto. Preriscaldate il forno a 180°, infornate e cuocete per circa 35 minuti o fino a che provando con uno stuzzicadenti sul bordo, uscirà ben pulito. Sfornate, lasciate ancora per circa 5 minuti nella teglia e sformate.




Torniamo fra 15 giorni, a presto!

Fregola con le arselle per quanti modi di fare e rifare




8 luglio 2018

Buongiorno a tutti e buona domenica. Oggi sono nella cucina della Cuochina per imparare a fare la fregola con le arselle, un delizioso primo che arriva da quella splendida terra che è la Sardegna. 
QUI trovate la ricetta della Cuochina che vi insegna anche a preparare la fregola. Io, che andavo un po' di fretta, l'ho comprata pronta e mi sono limitata a preparare il sughetto. Sotto c'è la mia interpretazione della ricetta.




FREGOLA CON LE ARSELLE

300 g di fregola
400 g di arselle (vongole)
150 g di polpa pronta di pomodoro 
3 cucchiai d'olio extravergine d'oliva
2 spicchi d'aglio
1 cucchiaino di prezzemolo tritato
sale e pepe
vino bianco


Lavate sotto l'acqua corrente le vongole, strofinandole tra le mani, controllate che siano integre ed eliminate quelle rotte o semiaperte. Mettetele a spurgare in acqua salata per qualche ora. Versate un cucchiaio d'olio ed uno spicchio d'aglio in una padella, fate insaporire ed aggiungete le vongole scolate, aumentate il fuoco e sfumate con un po' di vino bianco. Mettete il coperchio e scuotete la padella fino a quando le vongole non saranno tutte aperte. In una padella più grande, versate il restante olio e l'aglio, fate insaporire e aggiungete il prezzemolo e la polpa di pomodoro, salate e pepate e fate cuocere per circa 15-20 minuti, unendo anche il liquido di cottura delle vongole dopo averlo filtrato. Lessate la fregola al dente e intanto sgusciate le vongole.  Unite tutto al sugo e fate insaporire per qualche minuto. Servite con qualche foglia di prezzemolo fresco.




Buone vacanze a tutti, soprattutto alla splendida Cuochina e alle amiche dei quanti. Torniamo il 9 settembre con una ricetta della Basilicata, le strascinate con i peperoni cruschi. Bacissimi 😎



Tramezzini con bresaola e tonno per "Al km 0"




5 luglio 2018

Comincia a far caldo anche se qui è asciutto e quindi almeno alla sera e al mattino si respira e soprattutto di notte si dorme. Certo che la montagna con il suo verde e la sua quiete attira e perciò scappiamo via con la nostra rubrica Al km 0!




Ecco cosa abbiamo preparato per la nostra "fuga in montagna":


Pranzo da Sabrina: panini imbottiti con mix di semi (panini morbidi e veloci senza lievitazione) 


I miei tramezzini sono farciti con la bresaola, tipico prodotto valtellinese, che riempie però tutti i supermercati, tanto da far domandare quanta davvero ne arriverà dalla Valtellina... però visto che di km 0 si tratta ho messo anche il tonno, perché proprio del mare non riesco a fare a meno e quando non lo vedo per più di una settimana, mi prende una malinconia che devo almeno avere a portata di occhi un lago o un fiume, ma grandi, altrimenti non è cosa 😵




TRAMEZZINI CON BRESAOLA E TONNO   

4 fette di pane per tramezzini
40 g di bresaola
4 filetti di acciughe sott’olio
50 g di tonno al naturale sgocciolato
80 g di formaggio spalmabile
qualche foglia di songino
sale

Tritate la bresaola con le acciughe e il tonno, poi amalgamateli in una ciotola con il formaggio e il songino spezzettato. Regolate il sale. Posate sul piano di lavoro 2 fette di pane e distribuitevi il composto preparato, lasciando libero un bordo di 2 cm circa. Coprite con le fette di pane rimaste e premete bene i margini per chiudere i tramezzini, quindi avvolgeteli nella pellicola e rinfrescate per almeno 30 minuti in frigo. Prima di servire, togliete la pellicola e tagliateli a metà con un taglio obliquo. Servite subito. 




Appuntamento fra 15 giorni, a presto!

Baccalà mantecato per Menu Lib(e)ro




3 luglio 2018

Buongiorno a tutti, oggi posto una ricetta per Menù Lib(e)ro e gli antipasti di mare. La nostra chef è MARTA e QUI ci sono le regole per partecipare.




Ecco il libro da cui ho preso la ricetta, che è un classico della cucina veneta e che ho assaggiato per la prima volta in una delle mie incursioni a Venezia, per innamorarmene subito e per sempre!




Allora vediamo come si fa.




BACCALA’ MANTECATO

1,200 kg di stoccafisso già bagnato
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
2 spicchi d’aglio tritati
2 dl di olio d’oliva
sale, pepe

Mettete lo stoccafisso in una casseruola e copritelo con acqua fredda salata. Mettetelo al fuoco e fate cuocere a fuoco basso per 30 minuti. Scolatelo, togliete le spine e la pelle e sbriciolate la polpa. Mettetela in una casseruola e ponete questa in un altro recipiente contenente acqua calda non bollente. Mescolate energicamente con un cucchiaio di legno versando poco alla volta l’olio come faceste una maionese. Salate, pepate, unite il prezzemolo e l’aglio e mescolate bene. Servite freddo.

 
E dal 6 luglio cominciamo con gli antipasti di terra, seguiteci!