Marò di fave per L'ITALIA NEL PIATTO

 
 
 
2 febbraio 2024

Buongiorno a tutti, l'appuntamento di oggi dell'ITALIA NEL PIATTO è dedicato ai legumi in occasione della giornata mondiale, dedicata dalla FAO a questi alimenti il 10 febbraio.
I legumi sono molto apprezzati nell'alimentazione per le loro caratteristiche nutrizionali. Apportano, infatti, buone percentuali di carboidrati e di proteine, anche se a basso valore biologico. Sono ricchi di fibre, vitamine e sali minerali e poveri di grassi. In genere sono poco costosi e da sempre hanno rappresentato "la carne dei poveri", quando nelle famiglie contadine si usava portare in tavola pasta e fagioli o pasta e ceci. Oggi i legumi  figurano anche in ricette gourmet e spesso nei ristoranti vengono usati per piatti invitanti e gustosissimi.
Ecco le proposte delle nostre regioni.


Liguria: marò di fave

Lombardia: zuppa rustica con i fagiolini dall’occhio di Pizzighettone, i"Fasulin de l'oeucc"

Trentino-Alto Adige: crema di fagioli con involtino di verza e ricotta
Veneto: radici e fasoi, insalata di radicchi e fagioli

Friuli-Venezia Giulia: zuppa di orzo e fagioli
Emilia-Romagna: pancetta e piselli

Toscana: fagioli con l’occhio (o dall’occhio o dell’occhio)

Umbria: insalata di fagioli diavoli rossi con patate e cipolle

Lazio:  crespelle con farina di ceci

Abruzzo: torchioli con ragù di lenticchie 

Molise: zuppa agnonese di lenticchie e pallotte

Campania: zuppa di lenticchie e friarielli 

Puglia: ceci e funghi cardoncelli della Murgia

Basilicata: cicerchie ricetta lucana con i cavatelli 

Calabria: lagane e ceci alla calabrese

Sicilia: minestra di lenticchie siciliana

Sardegna: minestrone di lunga vita della famiglia Melis di Perdasdefogus 

 




 
Il legume più popolare in Liguria è il fagiolo e abbiamo tre ecotipi presidio Slow Food: il fagiolo di Badalucco, quello di Conio e quello di Pigna, che però si trovano facilmente solo nel ponente, zona di produzione, precisamente l'Imperiese. Nessun altro presidio, né per i ceci che usiamo tantissimo, né per le fave altrettanto usate. La ricetta che vi presento oggi è tipica del ponente, della zona di Sanremo. Questa deliziosa crema veniva usata per condire la pasta o il riso o allungata con brodo per farne minestre, ma nei ristoranti oggi viene servita come antipasto su pane tostato accompagnata da salumi o formaggi.
 



 
MARO’ DI FAVE
 
100 g di fave secche
10 foglie di basilico
100 g di pecorino grattato
1-2 spicchi d’aglio
olio EVO, sale

Lavate le fave, quindi mettetele in una casseruola con abbondante acqua fredda (non è necessario l’ammollo) e portate a ebollizione, facendo cuocere per circa 20-25 minuti. Le fave devono essere sempre coperte d’acqua durante la cottura. Quindi scolatele e frullatele in un mixer con il pecorino, il basilico e l’aglio unendo l’olio necessario ad avere una crema morbida. Regolate il sale e ponete a rinfrescare in frigo prima di servire.
 

 

Come al solito, torneremo il 2 marzo, nel frattempo potete seguirci su FB e INSTAGRAM. Un abbraccio a tutti!

13 commenti:

  1. Io le fave le uso pochissimo, ma la tua proposta mi piace molto e darò una nuova opportunità a questo legume
    Ciao Manu

    RispondiElimina
  2. Ma che bontà! Quei crostini sono proprio invitanti :)

    RispondiElimina
  3. Che buono deve essere, non lo conoscevo! Sui crostini, poi....irresistibile!

    RispondiElimina
  4. Carla, forse i sanremesi non conoscevano i vantaggi nutrizionali di mangiare pasta (cereali) con i legumi, ma io ti dico che mangiare legumi con cereali si traduce in una protrina vegetale molto salutare.
    Baci

    RispondiElimina
  5. Mamma mia!!!! Questa ricetta mi richiama già la primavera..non vedo l'ora!!!
    Buon we Carla :-*

    RispondiElimina
  6. che buoni questi crostini Carla! Fave e pecorino, un po' come da noi! un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Bellissima la ricetta, io mangio molto volentieri i legumi e le fave secche sgusciate di solito le preparo con la pasta. Proverò molto volentieri la tua proposta.

    RispondiElimina
  8. Le fave sono un must nella cucina pugliese e questi tuoi crostini sono una bella alternativa! Ciao!

    RispondiElimina
  9. Questa crema è davvero molto interessante!

    RispondiElimina
  10. Che bella proposta Carla. Immagino il sapore di questa crema con quel formaggio. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. bellissima questa crema e sicuramente ottima, ma quanti bei finger food!

    RispondiElimina
  12. Peccato, sono allergica alle fave 😢

    RispondiElimina