L'ITALIA NEL PIATTO: frutta e verdura di fine stagione


 

2 settembre 2014 

Buongiorno cari amici, oggi torna L'ITALIA NEL PIATTO, dopo la pausa estiva con un nuovo calendario e nuove iniziative. Non siamo ancora al completo, ma, come si dice, ci stiamo lavorando!



 
Per questo appuntamento vi proponiamo ricette con frutta e verdura di fine stagione del nostro bel paese. Ecco cosa abbiamo preparato per voi.


Valle d'Aosta: gnocchi di barbabietola con fonduta al Bleu d'Aoste

Lombardia: rigatoni con sugo di pomodori e basilico   

Veneto: mezze penne con fagiolini in umido
 
Trentino-Alto Adige: zuppa di finferli  

Friuli-Venezia Giulia: sarde in saòr
 
Liguria: pesche ripiene (perseghe pinn-e) 

Emilia Romagna: bargnolino o liquore di prugnoli 

Toscana: trusca di Casoli   

Lazio: pollo ai peperoni

Marche: fregandò o fricò

Abruzzo: peperoni arrostiti

Molise: fragoline al vino  

Umbria: cipollata 

Campania: parmigiana di melanzana contadina  

Basilicata: strazzata di Noepoli - pizza in teglia con peperoni e pomodori 

Puglia: spaghetti con fagiolini pinti  

Calabria: melangiani chini

Sicilia: confettura di fichi e mandorle

Sardegna: melanzane in padella con cipolla 


Le pesche ripiene sono un dolce semplice che può essere servito con il gelato o la crema inglese o lo zabaione. Si usano le pesche settembrine o di vigna che vengono raccolte dagli alberi piantati in prossimità delle vigne. Hanno un sapore molto dolce e un profumo intenso, sono piccole, bianche, con la buccia vellutata. Vengono coltivate in molte parti d'Italia: il territorio d'elezione per la mia regione è il savonese. Quando ero piccola ne andavo matta e prima dell'inizio delle scuole erano il dolce che trovavo sempre a casa di una zia di mio papà, che mi ha sempre amato e coccolato come una nonna. Perciò ve le offro volentieri, così come sono indissolubilmente legate alla storia della mia famiglia.





PESCHE RIPIENE (perseghe pinn-e)

4 pesche bianche settembrine
1 manciata di mandorle
100 g di amaretti
1 manciata di uvetta sultanina
1 tuorlo
1 cucchiaio di zucchero
1 bicchiere di Sciacchetrà ( o Marsala)

Scottate le pesche in acqua bollente e pelatele, quindi apritele a metà e togliete il nocciolo. Tritate le mandorle, gli amaretti e l'uvetta e mescolate con il tuorlo e lo zucchero. Riempite con questo impasto l'incavo delle pesche e ricomponete le due metà. Disponetele negli stampini usa e getta in alluminio e bagnatele con lo sciacchetrà. Fatele cuocere in una pirofila con un dito d'acqua a 180° per 20-25 minuti. Fatele raffreddare completamente prima di toglierle dai contenitori e servitele con il loro sughetto.





Vi diamo appuntamento al 16 settembre, infatti da adesso usciremo due volte al mese, perciò a presto e buon rientro a tutti :)

32 commenti:

  1. Queste pesche sono assolutamente favolose... non sai quanto darei per mangiarne una in questo istante....
    Bravissima!

    RispondiElimina
  2. Golosissime!!! Siete tutte bravissime
    felice giornata
    amelie

    RispondiElimina
  3. Buonissime Carla!! Quanti bei piatti da andare a curiosare!! Un bacioneeeeee!!!

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Carla, ci piace tantissimo questa rubrica regionale! Bellissime e buonissime le pesche ripiene con il gelato....gnam!!!!
    Bacioniiiii

    RispondiElimina
  5. Meravigliose queste pesche ripiene.. da divorare!!

    RispondiElimina
  6. Incredibile quante ricette si possano creare con questo frutto! La tua è davvero interessante, complimenti! Un bacione!

    RispondiElimina
  7. Tutte brave e molto buono ma la frutta + zucchero non per me. Un abbraccio e b uona giornata qui 16 gradi oggi e pioggia.

    RispondiElimina
  8. carla!!!!ma quanto sono buone!!!!!ci sentiamo questa sera????ti aspetto!!!!!

    RispondiElimina
  9. MI PIACCIONO LE RICETTE SANE DI UNA VOLTA, TANTO PIU' SE GUSTOSE COME QUESTA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  10. Ciao Carla! Eccomi tornata dopo le vacanze!!!:)
    Queste pesche ripiene sono golosissime...ne assaggerei proprio volentieri una!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  11. ed io accetto con moooooooolto piacere una di queste deliziose pesche...ne immagino la loro bontà e golosità! le ricette di famiglia non stancano mai!
    un abbraccio grande Carla

    RispondiElimina
  12. Che delizia! Tutti i sapori di un tempo!

    RispondiElimina
  13. Ciau Carla!!! Scrivi di pesche settembrine e di Sciacchetrà ed io vado letteralmente in brodo di giuggiole. Quanti ricordi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Buonissime. Da provare :-). Un bacione

    RispondiElimina
  14. buone, e poi con la pallina di gelato accompagnamento... una bontà, un bacio
    Miria

    RispondiElimina
  15. Anche la mia mamma le faceva quando ero bambina, buonissime. Ely

    RispondiElimina
  16. la cottura con le mezze pesche appaiate nel contenitore d'alluminio è una chiccheria che mi mancava...anche qua si usano, ma le vostre sono molto più carina e gustose...complimenti!

    RispondiElimina
  17. Che bontà!! da provare
    Complimenti!

    RispondiElimina
  18. mi associo ad Elena qui sopra, anche secondo me è una chicca quella del contenitore, grazie! (ovviamente le pesche preparate così mi hanno fatto venire un'acquolina tremenda.. ma questo è sottinteso :-))

    RispondiElimina
  19. Eccomi! Anche per me e' un dolce che mi riporta all'infanzia, ma non so chi lo faceva...forse mia nonna. Gli amaretti c'erano di sicuro, forse anche del cioccolato. Quando torno a casa spero di trovare ancora le pesche, anche se mi parlano di climi piu' che autunnali. un abbraccio cri

    RispondiElimina
  20. Al dolce ci hai pensato la Liguria........ e che dolce.
    La pesca ripiena mi e' nuova e mi intriga.
    Bellissima ricetta Carla
    A presto

    RispondiElimina
  21. Ciao Carla , hai preparato un dolce golosissimo , non lo conoscevo mi conservo la ricetta e prossimamente cercherò di farlo!!!
    Ti abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
  22. E questa volta abbiamo un menu completo: primi, secondi, contorni ed infine la frutta, anzi un goloso dessert, complimenti per la ricetta.

    RispondiElimina
  23. Carla!!!!sono qui su rai 1!!!!!!ti aspetto!baciiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  24. Un dessert da fine pasto ma anche per una merenda golosa queste pesche mi piacciono moltissimo!
    Un abbraccio;))

    RispondiElimina
  25. Uno di quei sapori che mancano nel mio repertorio, mai provato a farle e mai mangiate.
    Sapere che fanno parte dei tuoi ricordi più cari, mi rende questa ricetta ancora più speciale.

    Un abbraccio e buon anno scolastico :)
    ps Ma prima o poi passi a trovarmi?

    RispondiElimina
  26. Con un occhio leggo la tua ricetta mentre con l'altro osservo sei pesche settembrine che sono nella fruttiera. Ora proverò subito la tua ricetta davvero eccezionale. Grazie e un abbraccio

    RispondiElimina
  27. passo dopo qualche giorno e trovo tantissime e golose ricette :)))
    ottimo dessert, te lo copio!
    appuntamento al 16!!!

    RispondiElimina
  28. Questa è veramente una bella idea se non si vuole mangiare la frutta così come scende dall'albero! Devono essere deliziose.

    RispondiElimina
  29. Non conoscevo questa ricetta, benché la mia regione sia confinante con la tua. Grazie per averla condivisa. È semplicemente spettacolare!

    RispondiElimina
  30. mamma mia che bontà devono essere! mai fatte! delizosa questa ricetta con le pesche bianche!

    RispondiElimina
  31. Buonissime e golosissime, complimenti Carla sei bravissima! grazieeee
    Ti abbraccio
    ciaooo

    RispondiElimina