La "singolar tenzone"


25 aprile 2012

Sono caparbia, se non fosse così non sarei mai partita da Marsiglia, con i pochi soldi che avevo, e non sarei sopravvissuta alla quarantena ad Ellis Island. Per fortuna lì, più che sul piroscafo, ho conosciuto tante persone gentili, anche quella suora meravigliosa, la Madre Cabrini, che mi ha presentato a Mr. Johnson, grazie al quale sono riuscita ad aprire la mia pasticceria in questa bella strada, dove abita gente per bene e abbastanza ricca, così vengono a comprare da me quasi tutti i giorni. Vivo nella stanzetta sopra il negozio, e tiro parecchio la cinghia, ma non ho debiti e ho una vita decorosa. Era anche una vita tranquilla, finché da quella porta non è entrato Nicola; lui è italiano, capelli scuri e occhi di velluto, un sorriso che mi ha bucato il cuore appena l'ho visto. Ha cominciato a dire che se avessi avuto un aiuto e preparato anche cose salate gli affari sarebbero andati meglio. All'inizio ho resistito ma poi ho voluto metterlo alla prova. Ha preparato focacce e torte con le verdure, che sono andate a ruba, e allora che dovevo fare, siamo entrati in società e, siccome sta messo peggio di me, si è trasferito nella cucina e dorme su un materasso buttato in terra, ma dice che non gli importa, che almeno può cominciare a impastare quei deliziosi panini molto presto così che siano pronti quando le domestiche escono a fare la spesa. Oggi è domenica e lui si è messo in testa di insegnarmi a fare i gnocchi. Non avevo molta voglia: è una giornata grigia e piovosa, avrei voluto starmene sopra a leggere il mio romanzo, ma Nicola è tremendo, quando decide una cosa mi sfinisce di chiacchiere finché non cedo. E mi ha anche detto ridendo che in serata avrebbe smesso di piovere e ci sarebbe stata una bellissima luna. Abbiamo lessato le patate e le abbiamo impastate con la farina, abbiamo fatto quei cilindri lunghi e sottili da tagliare a tronchetti, fin lì è stato semplice, ma dare il giro con il dito per arricciare quel malefico gnocco... mi si spiaccicavano tutti sulla madia. Allora lui si è messo dietro di me, il suo braccio lungo il mio e la sua mano sulla mia, e mi ha guidato con dolcezza finché ho imparato, ma poi mi ha preso per le spalle e mi ha girato verso di lui e mi ha sfiorato le labbra con un bacio e mi ha preso in braccio e portato di sopra... adesso sta dormendo e io lo guardo incredula, innamorata, felice. Mi sono alzata perché non ho sentito più il rumore della pioggia: in effetti c'è una luna gigantesca nel cielo terso e profondo, pieno di stelle... torno a letto, vicino a lui, si gira e mi abbraccia e non mi resta che abbandonarmi al suo amore e alle sue certezze!

Non  sono impazzita, strizzando l'occhio a Francis Ford Coppola e al suo "Padrino parte terza", ho scritto un raccontino per partecipare al contest di SANDRA.



La ricetta legata al racconto è questa.


GNOCCHI ALLA SORRENTINA

1 kg di patate rosse
300 g di farina 00
500 g di polpa di pomodoro
1 melanzana
150 g di parmigiano a scagliette
1 scalogno
4-5 rametti di basilico
olio EVO, sale

Fate lessare le patate con la buccia, pelatele e passatele allo schiacciapatate. Quando si saranno raffreddate, impastatele con la farina e un pizzico di sale. Formate dei cilindretti grandi come un pollice, quindi tagliateli a tocchetti, passateli sui rebbi di una forchetta e lasciateli riposare sulla spianatoia infarinata. Pulite e affettate lo scalogno e fatelo dorare in qualche cucchiaio d'olio, unite la polpa di pomodoro e qualche foglia di basilico e fate cuocere per circa 30 minuti. Regolate il sale. Lavate e affettate la melanzana e grigliatela. Fate cuocere i gnocchi in abbondante acqua salata, scolateli appena vengono a galla e conditeli con la salsa, il parmigiano e le melanzane tagliate a striscioline. Decorate con qualche foglia di basilico e servite.





Buona serata amici, passo da voi :)

31 commenti:

  1. *_* ok adro questo piatto!!! lo trovo fantastico!!!
    gnam me lo mangerei tutto!!!
    bravissimaaaaa

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia di piatto e tesoro che racconto caldo e appassionato!!!!!!!!!
    Mi piace tantoooooooooooooo
    Un bacione Carla!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. WAOH!!!! Sono stata a leggere incollata... e gli gnocchi? Che belli! Grazie Carla, grazie mille!!!

    RispondiElimina
  4. Buonissimi Carla!!! Bellissimo il racconto :D
    baciussss

    RispondiElimina
  5. fantastica idea tutta da gustare

    RispondiElimina
  6. ma che bello il racconto...e immagino quelle scene sulla preparazione degli gnocchi!
    e questi gnocchi con le melanzane....mamma mia che invitanti! brava!
    bacioni

    RispondiElimina
  7. ...e sei riuscita anche a fare gli gnocchi?? :D scherzi a parte bel racconto! e gli gnocchi son gnocchi! boniiiiii!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fossi stata lì io forse 'sti gnocchi non sarebbero venuti fuori.... Bacio

      Elimina
  8. Io te lo dico sempre che devi scrivere!!!! Ma lo sai vero che la Santa Madre Cabrini è della mia zona (Sant'Angelo Lodigiano). Il racconto è bellissimo e mi ha ricordato l'atmosfera di Chocolat (il libro della Harris).
    Gli gnocchi, che te lo dico a fare??? Una meraviglia
    Bacioni
    P.S. ora vado a scrivere e forse domani posto

    RispondiElimina
  9. "sono caparbia!"ti calza a pennello!!!
    un racconto veramente appassionato e degli gnocchi dei quali sento il profumo da qui.....brava!
    che dire: un bacio! buonanotte

    RispondiElimina
  10. Carissima
    Bello il tuo racconto per non parlare della ricetta...
    Ogni tanto riesco a fare qualche giro nei blog delle amiche e mi accorgo che le sto trascurando..ma le giornate volano e il tempo a disposizione è sempre limitato..
    la mia piccina è una calamita per me...se non la vedo la penso e per farla breve sono spesso da lei in attesa di prendere "servizio" a tempo pieno quando mia figlia ritornerà a lavorare...ma troverò sempre il tempo per farmi viva in qualche modo..
    Un grande abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Ciao carissima!
    Hai mai pensato di scrivere? Sei bravissima!
    Ho immaginato la scena...
    I gnocchi alla sorrentina poi...
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  12. Wow, sei pure una bravissima scrittrice....ma tu sei un pozzo inesauribile di idee e di arte!! E non solo in cucina!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  13. Scrivi davvero benissimo… almeno quanto cucini! Gli gnocchi sono assolutamente irresistibili! Buona giornata, Babi

    RispondiElimina
  14. Complimenti per il tuo splendido racconto e la gustosissima ricetta!!!! Baci

    RispondiElimina
  15. li adoro tanto questi gnocchetti!

    RispondiElimina
  16. Bellissimo post sei bravissima , la ricetta poi l'adoro!!
    Bravissima un'abbraccio forte!!

    RispondiElimina
  17. Dalle prime righe pensavo che quella partita da Marsiglia fossi tu! Che bella storia hai "impastato", ottima per questo bel piatto di gnocchi. Laura

    RispondiElimina
  18. anche io l'ho pensato come matematica e cucina!! :-)
    succulenti questi gnocchetti!

    RispondiElimina
  19. I gnoccho...una mia specialità....nel mangiarli!! buona serata...ciao

    RispondiElimina
  20. Già ti immaginavo in giro per lidi lontani ... Anche io volevo partecipare ma devo trovare l ispirazione.... I tuoi gnocchi sono da paura !!! Lo gnocco e' il primo che mi piace di più :-) bacioni

    RispondiElimina
  21. uh, già ti credevo partita..! bella storia.. bel post.. sempre un piacere leggerti e sempre meravigliose ricette trovo da copia-incollare nel mio ricettario! brava .. un bacio

    RispondiElimina
  22. Il racconto è bellissimo, e questi gnocchi sono stragolosi, complimenti anche per la presentazione! Sempre bravissima!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  23. non sò se avrei avuto il coraggio di partire ma è stato bellissimo questo raccontio :) mi pice leggere ciò che scrivi :D e così mi hai dato anceh la conferma che non sei brava solo a cucinare ma anche a scrivere :D non vedo l'ora di leggere il tuo nuovo post :)

    RispondiElimina
  24. CE, ciaooooooooooooo Ti sono mancata? Tu a me si tanto ed eccomi qua a leggere tutto d'un fiato questo meraviglioso racconto che mi ha fatto sognare. Poi passo per recuperare quello che ho perso in questi giorni. A presto e buon week end

    RispondiElimina
  25. Ma che bella storia romantica! Io mi sciolgo per storie del genere...e per gli gnocchi (troppo buoni)!!!

    RispondiElimina
  26. Buonissimi questi gnocchi e grazie mille per aver partecipato al contest!!!!!

    RispondiElimina
  27. Buongiorno, io e Arianna vorremmo ringraziarti per aver partecipato alla nostra sfida: senza di te non sarebbe stata la stessa cosa. Abbiamo eletto i vincitori, vieni a vedere..... Siamo veramente contente del successo che ha avuto la sfida visto la richiesta anche dello scritto oltre che della ricetta, quindi: GRAZIE!!!
    Alla prossima sfida..
    Sandra e Arianna
    La singolar tenzone
    http://sonoiosandra.blogspot.it/2012/05/vincitori-singolar-tenzone.html

    RispondiElimina