Pommes au four per l'Abbecedario Culinario



26 aprile 2014 

Ieri sera sono stata a vedere "Monuments men" al cineclub. Il film è ispirato alla storia vera di un gruppo di sette soldati, non più giovani, che durante la seconda guerra mondiale raggiunsero le linee del fronte per recuperare capolavori artistici trafugati dai nazisti e restituirli ai legittimi proprietari. Il gruppo riesce nell'impresa, anche se alcune opere andarono irrimediabilmente perdute, visto che Hitler diede l'ordine di distruggerle, piuttosto che farle tornare ai paesi d'origine. L'ho guardato molto volentieri: è un film d'azione, che coinvolge e non annoia e ricorda il valore assoluto dell'arte, capace di alimentare l'esistenza di ognuno di noi. E per me è stato ancora più emozionante perché una delle opere che fu rubata e fortunosamente ritrovata è la Madonna di Bruges di Michelangelo.




Eccola, come l'ho fotografata nella Cattedrale di Nostra Signora. L'unica opera di Michelangelo fuori dall'Italia, la gente si pigia lì davanti per guardarla, in un silenzio riverenziale. E nella mia mente si sovrapponeva a questa immagine serena, quella della Pietà, drammatica e sconvolgente. Sono rimasta lì, e avrei voluto dirlo che ero italiana, che potevo godermi tutto il Michelangelo possibile, che in questo paese ci sono città dove non riesci nemmeno a vedere tutto quello che c'è, che è tutto così bello e importante e vasto che non lo si riesce a curare e va in malora, e che mi sento sminuita e triste se crolla un muro a Pompei o non si trovano i fondi per ricostruire quello che un terremoto butta giù.

Perciò stasera torniamo in Belgio, a Bruges e a Gand!


BRUGES
GAND


E la ricetta è un dolcetto per festeggiarci tutti :)


POMMES AU FOUR 

2 mele renette
60 g di mascarpone
1 cucchiaio di crema di speculoos
1 cucchiaio di miele
30 g di amaretti
qualche fiocchetto di burro
½ bacca di vaniglia

Sbucciate le mele e scavatele con lo scavino che vi consentirà di togliere il torsolo e pulirle internamente. Mescolate in una ciotola il mascarpone, la crema di speculoos e gli amaretti sbriciolati. Quindi farcite le mele, decorate con un pezzetto di bacca di vaniglia e ponete in una pirofila. Irroratele con il miele e posatevi qualche fiocchetto di burro. Infornate a 200°C per 25-30 minuti. Servite tiepido.




La crema di speculoos è stato un prezioso regalo di un collega che la scorsa estate è andato in Belgio, quella che mi ero portata io era finita da un pezzo....

La ricetta è per MARTISSIMA che ospita fino al 4 maggio l'ABBECEDARIO CULINARIO in Belgio.

E prima di salutarvi ringrazio anche AMELIE per il premio che mi ha girato e soprattutto per la dedica che lo accompagnava


Buona domenica a tutti, vi ricordo il nuovo appuntamento con LIGHT & TASTY per lunedì mattina, a presto!

19 commenti:

  1. ma Carla ma quanto sei brava...ogni volta mi stupisci..brava non solo in cucina!le foto sono bellissime e la ricetta è eccezionale....del film ho immaginato la storia.....io sono rimasta a casa anche se Antonio sta meglio...ti mando un bacione:)simona

    RispondiElimina
  2. Ciao Carla, come stai? Io sto guardando "Karol", il film su rete 4, anche se l'avevo già visto in passato.
    Condivido in pieno tutto quello che hai detto legato all'arte e le tue foto sono bellissime! Ho ammirato a lungo quei gerani rossi che mi ricordano casa!!!
    Bella ricetta, non ho mai mangiato la crema di speculoos, non ho idea che gusto abbia, ma immagino sia una cosa moooolto buona! Poi le mele preparate così, sono sicuramente saporite!
    Ti abbraccio, buona notte!

    RispondiElimina
  3. Buenísimo ....lindo post me gustan las manzanas,abrazos

    RispondiElimina
  4. Adoro queste ricette con la frutta, fantastica la tua, bravissima!!!!

    RispondiElimina
  5. che delizia, complimenti :D

    RispondiElimina
  6. Il paradossale è che città ecc fuori dell'Italia le poche cose d'arte che hanno le espongno e quindi hanno anche turismo oltre che mantenere le meraviglie. Noi che di opere ne abbiamo tante e di cui non sappiamo anche niente e potremmo riempire il mondo con queste le teniamo nascoste a marcire perchè piuttosto che spendere e anche poi di riflesso guadagnare il denaro va a riempire sempre le tasche dei soliti ignoti o dei nuovi conosciuti che poi diventano ignoti...
    Belle foto e bella ricetta. Grazie e buona domenica.

    RispondiElimina
  7. Che belle foto, mi hai fatto venir voglia di partire!
    La tua ricetta , invece, mi ha fatto venir fame! Un bacione :)

    RispondiElimina
  8. Grazie per questo post ricco di notizie interessanti e di spunti golosi.
    buona domenica, anche se molto uggiosa.

    RispondiElimina
  9. Ciao Carla, buona domenica!

    RispondiElimina
  10. Meravigliose le mle cotte cosí... In francese suona tutto... E diventa tutto piú chic! :)

    RispondiElimina
  11. belle belle... complimenti Carla Emilia, buona domenica!

    RispondiElimina
  12. Adoro le mele cotte, voglio provare anche la tua versione!
    I preparativi per il matrimonio procedono, giovedi' scorso c'è stata la promessa, io purtroppo ho poco tempo per il blog, ma siete tutte nel mio cuore!
    Un abbraccio! Alda

    RispondiElimina
  13. Bellissima quella statua, sai il volto della Madonna quanto mi ha fatto sudare al liceo artistico tanti anni fa? Il calco era tra le statue da riprodurre e io avevo qualche difficoltà.....
    Che buone queste mele ripieno, prendo nota perchè noi le consumiamo spesso al forno! Un bacione

    RispondiElimina
  14. Ciao Carla, come stai? :) Qui c'è stato un weekend piovoso e freddino, quanta acqua è caduta giù dal cielo!!! Le tue mele sono deliziose, invitantissime... e tutte le foto stupende :) Un abbraccio forte forte, tvb <3 Felice settimana :**

    RispondiElimina
  15. Carla!!!!pèerchè sei malinconica, veramente anche io...forse perchè tutto il giorno in casa...ad Antonio l'orticaria va meglio ma rimane la varicella anche se in forma lieve...spero di raggiungerti con il mio latte...aspettamiiiiii!!!!!!!!!ti abbraccio forte simona:)

    RispondiElimina
  16. I dolci con le mele li divorerei a colazione pranzo e cena. Mi devo informare su questa crema che non ho mai sentito......Ho fatto bene a venire a trovarti, mi fai viaggiare sempre, una meraviglia. Non so come ho fatto a dimenticare facebook; la mia vecchiaia incipiente ahi ahi. Un abbraccio Azzurra

    RispondiElimina
  17. che gran bel viaggio grazie delle foto di bruges ma anche delle mele al forno solo deliziosissime

    RispondiElimina
  18. Ma lo sai che ho un debole per le mele cotte?? A volte mi prende la voglia e me le preparo solo per me :) La prossima volta proverò le tue! Buona giornata!! Laura

    RispondiElimina
  19. Bellissime le foto di Bruges...sogno di andarci da quando vidi "In Bruges-la coscienza dell'assassino"..il film in se non è da non perdere ma le immaggini della città mi sono entrate dentro...se solo trovassi un poco di tempo...

    RispondiElimina