Una ricetta in bianco e giallo

10 marzo 2013

Ciao amici, buona domenica sera a tutti! Finalmente oggi non ha piovuto e il sole ha fatto una timida comparsa. Comunque ci hanno già informato che è stata una finta e il brutto tempo è di nuovo dietro l'angolo :(

Visto che sono andata al cinema e teatro vi racconto quel che ho visto. 

Al cine ho visto "In darkness" di Agnieszka Holland. Si racconta di Leopold Socha, ispettore fognario nella Leopoli occupata del ’43, sposato e padre di una bambina. Scaltro e intraprendente, ruba nelle case dei ricchi e non ha scrupoli con quelle degli ebrei, costretti nel ghetto e poi falciati dalla follia omicida dei nazisti. Avvicinato da un vecchio compagno di cella, l’ufficiale ucraino Bortnik, gli viene promessa una lauta ricompensa se troverà e denuncerà alla Gestapo gli ebrei sfuggiti ai rastrellamenti. In realtà Leopold ne ha nascosto undici in un settore angusto delle fognature, in cambio di denaro e gioielli. Ma il tempo della guerra e della sopraffazione ammorbidisce il suo cuore e lo mette al servizio del prossimo: tra aguzzini famelici, perlustrazioni, fame, buio, bombardamenti e alluvioni, Leopold riuscirà a salvare i suoi ebrei, conducendoli, alla fine della guerra, fuori dalle tenebre verso la vita.
Oltre a parlare della Shoah, il film  indaga il comportamento umano in situazioni limite, sprofondando letteralmente gli spettatori nelle tenebre delle fogne, costringendoli a vivere una situazione claustrofobica, dove Leopold Socha diventa la luce che rischiara, il protagonista di una vicenda eccezionale realmente accaduta. Ed è la storia della sua presa di coscienza, del suo mutamento, del suo ritornare uomo, dopo essere stato ladro, pressapochista, vigliacco: Leopold non si sottrae al destino che gli offre una possibilità di redenzione e si fa giusto fra i giusti. Il suo nome, nel giardino di Yad Vashem a Gerusalemme, è ricordato insieme a quello di altri che sono riusciti a salvare ebrei dalla deportazione e dalla morte, come Schindler e Perlasca. Inutile che vi dica che mi è piaciuto moltissimo.



Molto più leggero quello che ho visto a teatro: "Full monty"! Anche se ripercorre la storia del film, il musical è ambientato in Italia e i protagonisti sono disoccupati che vivono nella periferia industriale di Torino. Due di loro, operai appena licenziati, decidono di allestire uno spettacolo di spogliarello maschile e mettono insieme uno sgangherato gruppo, che però a poco a poco ritrova fiducia e speranza. E alla fine non manca il mitico striptease! Uno dei protagonisti è Sergio Muniz, proprio una gioia per gli occhi :D





E adesso, ricetta!


GNOCCHI ALLA CREMA DI PEPERONI E FORMAGGIO

1/2 kg di patate rosse
150 g di farina 00
3 peperoni gialli
250 g di formaggio cremoso
sale
qualche rametto di santoreggia

Fate lessare le patate con la buccia, pelatele e passatele allo schiacciapatate. Quando si saranno raffreddate, impastatele con la farina e un pizzico di sale. Formate dei cilindretti grandi come un pollice, quindi tagliateli a tocchetti, passateli sui rebbi di una forchetta e lasciateli riposare sulla spianatoia infarinata.
Pulite i peperoni e tagliateli a listerelle, quindi grigliateli. Fateli raffreddare, poi spellateli e passateli al mixer. Uniteli al formaggio e mescolate per formare una crema, regolate il sale. Lessate gli gnocchi, scolateli appena vengono a galla, conditeli con la crema e servite con qualche fogliolina di santoreggia.




Mando questa ricetta a CINZIA e VALENTINA per il COLORS & FOOD di questo mese: marzo in bianco e giallo!




Passo da voi, a presto :)

21 commenti:

  1. Ciao Carla! :) Bello il film e bello lo spettacolo teatrale, il film vorrei vederlo anche io... grazie per averceli raccontati :) Questi gnocchi sono invitantissimi, senza dubbio squisiti! :) Complimenti amica mia, un abbraccio forte forte e buon inizio settimana :) :**

    RispondiElimina
  2. ..Che film coinvolgente.. il tema della guerra e delle persecusioni cattura anche me, pur non andando spesso al cinema (Quasi mai). Recentemente, in TV ho visto "la chiave di Sara" che mi è piaciuto così tanto. Lo hai visto? Se no, te lo consiglio. o magari hai letto il libro, dev'essere fantastico.

    Gli gnocchi in giallo vestiti mi intrigano, soprattutto questo sughetto vellutato e saporito :)
    Graziel cara Amica, un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Mi piace molto questa ricetta Carla :-) mi verrebbe voglia di raggiungervi a Genova sai :-) mi piacerebbe. Un bacione e buona settimana anche a te carissima,

    RispondiElimina
  4. Ciao cara bello il film! Gli gnocchi così devono essere deliziosi , un bacio e a presto
    paola

    RispondiElimina
  5. E' un secolo che non vado al cinema ma quel film credo meriterebbe.
    Meritano invece di sicuro i tuoi gnocchi. Adoro i peperoni e quella salsina cremosa è proprio gustosa. Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  6. Gnocchi golosissimi, come ne mangerei volentieri un bel piattone e invece... sono a dieta, sigh!
    Elli

    RispondiElimina
  7. Da te c e sempre qualcosa da imparare questi gnocchi per esempio sono davvero golosi e speciali, voglio proprio provarli, io li faccio sempre al ragu e ora di cambiare!!!Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  8. Direi che hai passato un bel fine settimana, visto il film e lo spettacolo che hai raccontato in questo post. Il piatto con i gnocchi è molto invitante, questa crema di peperoni è buonissima e la faccio proprio come te. Ciao Carla, a presto, baci!

    RispondiElimina
  9. Hai proprio ragione .... sergio muniz è davvero un gran bel vedere!!!
    ma non da meno il tuo piatto in bianco e giallo!!! davvero interessante!

    qui oggi dinuovo tempo brutto!!! sob

    RispondiElimina
  10. Ciao quante cose hai fatto!!! Grazie per avermi fatto conoscere il film lo trovo davvero interessante, e sei andata a vedere full monty mi ricordo che me l avevo detto:)) però non mi avevi detto che c'era Muniz;) hai creato una bella ricetta e anche da vedere e' stupenda!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. ahahah potevi intitolarlo Muniz alla crema di peperoni e formaggio Carla!!ahahaha..ho fatto la battutona..ma sempre di gnocchi si parla!ricetta splendidamente invitante e gustosa! adoro il tuo estro e il tuo eclettismo in fatto di commedie e gusti artistici,solo tu puoi passare da un film impegnato ad una commedia più leggera cogliendo il meglio di tutto!bacio grandissimo splendida Carla:)

    RispondiElimina
  12. Bellissimo il film e molto interessante lo spettacolo teatrale! Golosissimi i tuoi gnocchi, mi hanno fatto tornare la fame ahahahah!
    Un abbraccio grande grande!

    RispondiElimina
  13. Che gnocchetti fashion! Molto belli!
    Scusami se è un po' che latito ma, fortunatamente, ho ricominciato a lavorare.
    Un bacio

    RispondiElimina
  14. finalmente torni a fare un po' di cose comprese le tue uscite culturali!!
    e in cucina si sente profumo di peperoni!|
    ci sei mancata carla!!!
    un bacio

    RispondiElimina
  15. Che belli questi gnocchetti!!!
    ho visto anch'io il film molto bello...e sono una super fan di Sergio...pensa che anni fa era in cucina come calendario...mio marito ci giocava tirandogli le freccette!!!ha!!ha!!!bacio!

    RispondiElimina
  16. Buonissimi questi gnocchi, brava!A presto

    RispondiElimina
  17. Un saluto affettuoso!
    A presto! Alda

    RispondiElimina
  18. Ottima idea, semplice e gustosa, perfettamente in tema!!
    Interessanti anche i tuoi suggerimenti per cinema e teatro!!

    RispondiElimina
  19. Ciao caraun bacio e a presto paola

    RispondiElimina