Le meringhe di Silvia

29 gennaio 2013

Ciao cari amici, eccomi da voi, il week end con le amiche è passato benissimo, ma ho appena avuto il tempo di preparare il post dell'ITALIA NEL PIATTO molto di corsa. Prometto che alla prossima uscita farò di meglio ;)

Solo stasera mi sono accorta che la mia panna cotta al parmigiano è finita in un menu speciale di COLORS & FOOD. Ne sono felicissima, e posso solo cercare di far meglio con il prossimo colore!

Per festeggiare vi posto una piccola golosità, che sono riuscita a fare solo secondo le istruzioni di mia cugina Silvia. Quando sono stata a trovarla qualche we fa, abbiamo preparato insieme le meringhe, così ho potuto seguire bene il procedimento e la cottura. Ecco le sue.





Ed ecco le mie!






MERINGHE

4 albumi
320 g di zucchero semolato
100 g di cioccolato fondente 60%
90 g di panna

Sbattete con le fruste elettriche gli albumi finché saranno ben sodi, quindi unite lo zucchero, poco alla volta, continuando a sbattere. Versate il composto in una sac-à-poche con bocchetta a stella o liscia e fate cadere piccole quantità di composto sulla placca ricoperta di carta forno. Fate cuocere per 1 ora a 100°. Sfornate e fate raffreddare.
Preparate la crema di cioccolato, facendo bollire la panna e versandola sul cioccolato spezzettato. Mescolate bene, quindi fate raffreddare. Unite le meringhe  a due a due con la crema, quindi disponetele nei pirottini di carta e servitele.

- La meringa deve essere sodissima: quando pensate che sia dura, sbattete ancora!

- Potete disporle vicine, in cottura non si allargano.

- Con questa dose vengono due placche belle piene, a metà cottura scambiatele, in modo che le meringhe coloriscano uniformemente.

- Così piccole, sono peggio delle ciliegie, si mangiano una dietro l'altra, perciò non conviene dimezzare le dosi.




Prima di salutarvi, voglio raccontarvi dello spettacolo che sono andata a vedere sabato sera.

LA TORRE D'AVORIO 

di Ronald Harwood 

con Luca Zingaretti e Massimo De Francovich

L'azione si svolge a Berlino nel 1946. E’ il momento di regolare i conti e la  caccia ai sostenitori del caduto regime è in pieno svolgimento: gli alleati vogliono portare al processo di Norimberga i sostenitori del nazismo. Nell'ufficio del maggiore Arnold, c'è un indagato d'eccezione: il famoso direttore d'orchestra Wilhelm Furtwängler. L'ufficiale è ignorante, rozzo e offensivo, senza alcun rispetto per quello che tutti, compresi i tedeschi antinazisti, considerano un genio della musica. Di fronte a lui, Furtwängler fatica a non perdere la sua compostezza e il suo ostentato senso di superiorità. Il gioco a due si complica con i personaggi minori, come la segretaria tedesca di Arnold e i testi chiamati a deporre, con le loro tristi o ambigue storie personali.
In realtà, Furtwängler non prese mai la tessera del partito nazionalsocialista (come invece fece Karajan, che ne aveva addirittura due, una austriaca e una tedesca), però aveva rapporti stretti con i gerarchi. È vero che fece espatriare alcuni musicisti ebrei, ma è anche vero che ci riuscì solo grazie alle sue amicizie e alla sua posizione nel regime. D'altra parte aveva scelto, in tempi durissimi, di tenere accesa la fiaccola dell’arte, convinto che questa non abbia connotazione politica e si era anche scaricato la coscienza cercando di esibirsi nel minor numero possibile di occasioni ufficiali; pur di non stringere la mano a Hitler, durante un concerto, aveva fatto in modo di continuare a impugnare la bacchetta con la destra. 
Il maggiore Arnold detesta la musica classica e da ex-venditore di polizze assicurative è molto sospettoso nei confronti del prossimo; è un plebeo che disprezza le sdolcinatezze borghesi e un giustiziere sacrosantamente indignato dalle atrocità che ha visto perpetrare in Europa; soprattutto, un americano convinto nell’eguaglianza di tutti gli uomini sia nei diritti che nelle responsabilità.
Harwood mette in scena un rebus morale delicatissimo. In fondo al quale sta uno dei problemi piú discussi e irrisolti della storia: l'autonomia dell'arte di fronte alla politica. I due protagonisti non riescono a comprendersi e dal loro scontro processuale, etico e culturale, piú che risposte nascono domande. E sono gli spettatori a dover prendere posizione...

La commedia debuttò a Londra nel 1995 per la regia di Harold Pinter. Il titolo originale, "Taking sides", significa letteralmente "Schierarsi". Proponendo di renderlo come "La torre d’avorio" si è voluto alludere alla condizione di orgoglioso isolamento che l’artista crede, forse a torto, di potersi permettere sempre. 

Sono uscita scossa, quasi dolorante come avessi preso un pugno nello stomaco, incapace di decidere se la posizione di Furtwängler potesse essere difendibile, perplessa per i modi di Arnold, che forza qualunque parola nell'unica direzione che vuole assumano le circostanze, e infine francamente inorridita, perché da quella guerra sono usciti solo dei perdenti: le atrocità ci sono state e sono state commesse da tutti. E l'esempio non è servito perché le "pulizie etniche" continuano...

Attori grandissimi: Zingaretti e De Francovich si scontrano come vecchi leoni e i comprimari, fra cui Peppino Mazzotta (Fazio nella serie TV di Montalbano), sono spalle eccellenti.



Buonanotte amici, ci sentiamo domani :D

22 commenti:

  1. sei stata bravissima a fare le meringhe perchè non sono affato facili da fare!!!
    e poi..come mai tutta questa stanchezza!? non è che ti dai troppo alla vita mondana??
    baci

    RispondiElimina
  2. Bravissima Carla :-) qualche meringa la mangerei volentieri, anche adesso :-) scappo e vado a nanna.. un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Come sono belle le tue meringhe, Carla, a me non vengono mai bene! Adesso vado a nanna, buona notte!
    Un abbraccio grande! Alda

    RispondiElimina
  4. Adoro le meringhe le tue sono bellissime, proverò a farle!
    Buona giornata cara bacioni!

    RispondiElimina
  5. Molto interessante lo spettacolo che hai visto, mi piacerebbe vederlo , sono molto sensibile a questo tipo di temariche.

    Le meringhe ti sono venute benissimo, io le faccio un pochino più grandi e le faccio asciugare per un pò più di tempo a meno di 100°, i miei figli le adorano!

    buona settimana

    RispondiElimina
  6. Che buone le meringhe Carla!!!! Le adoro ma non le ho mai fatte....ho paura di non riuscirci:)
    Molto interessante lo spettacolo che hai visto!! Un bacione cara e buona giornata!

    RispondiElimina
  7. Ah, le meringhette, io le adoro, ma sono così difficili, a farsi! Sei stata davvero bravissima!
    Grazie anche per la tua bella recensione.
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
  8. Sono felice che il tuo fine settimana con le amiche sia andato bene, e poi ti vedi sempre qualche bel spettacolo a me Zingaretti piace molto:)
    E mi piacciono anche le meringhe le tue con il cioccolato sono speciali!!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  9. Bellissimo lo spettacolo, ma le tue meringhe lo sono ancora di più. Complimenti.

    RispondiElimina
  10. Ciao Carla che belle meringhette le tue ancora piu' golose con la cioccolata, a mia figlia piacciono da matti le dovro' proprio fare!!Bellissimo lo spettacolo!!!Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  11. Che bella recensione!!! E che meringhe ragazza mia, da mangiare in un sol boccone!!!!

    RispondiElimina
  12. Le meringhe sono, apparentemente, di una semplicità unica... ma a me ci sono voluti tantissimi tentativi per riuscire a farle nel modo giusto. Mi venivano sempre un po' gialle, oppure si crettavano durante la cottura, oppure rimanevano appicicose dentro.
    Insomma... un inferno! :-)
    Ti sono venute davvero bene, complimenti.

    RispondiElimina
  13. da quando ho il bimby le meringhe mi vengono che sono una meraviglia...grazie per la ricetta,è tanto che non li facevo...un bacione:)

    RispondiElimina
  14. Ma sai che non le ho mai fatte???
    Le tue e anche quella di tua cugina sono bellissime, ci devo proprio provare, poi ti faccio sapere.
    Baci

    RispondiElimina
  15. Ciao bimba, come stai? Passato il momento "down"? Dai su che ti voglio vedere con un bel sorriso eh :)
    Dopo una lunga pausa, ultimamente vado di meringhe a gogò. Alla prossima infornata mi ricorderò di accoppiarle tipo baci. Intanto un bacione lo mando a te, grosso grosso :*
    Buona giornata

    RispondiElimina
  16. Adoro le meringhe e così piccole e con il cioccolato sono una vera goduria...un grande abbraccio Faby

    RispondiElimina
  17. Ciao Carla! Vedo che anche tu sei un'amante delle meringhe come me! :-)
    Non conosco lo spettacolo che hai riassunto così bene ma mi interessa molto: da molti anni cerco di documentarmi il più possibile sugli episodi di antisemitismo portati dal nazismo perchè credo chela memoria e la riflessione siano gli unici strumenti affinchè cose del genere non accadono più. Purtroppo mi sembra che la gente talvolta abbia scarsa voglia di ricordare e ancora meno di pensare...

    RispondiElimina
  18. adoro le meringhette ma mi sono imposta di non prepararle, devo stare un po' a dieta, soprattutto non devo esagerare con i dolci :(((
    è dura... anche perché è un periodo di super lavoro, sono alle prese con gli scrutini e la preparazione del POF, non vedo l'ora che venga Carnevale, avrò qualche giorno di vacanza :)
    buona serata!

    RispondiElimina
  19. io le accoppio con la nutella, provale!

    RispondiElimina
  20. le meringhe mi piacciono molto sono un dolce leggerissimo ma con il cioccolato sono più golose

    RispondiElimina
  21. Ecco mi anche qui, bellissime meringhe, ti sono venute bene e sono molto simili a quelli che ti ho regalato per Natale solo che i miei errano di color rosa bianco! Io non so se li posto ... forse con la prossima produzione degli albumi che mi rimangono dalla crema pasticciera! Ciao, buona notte cara amica!

    RispondiElimina
  22. Complimenti per il successo del menu colors food....sei bravissima e non avevo dubbi della buona riuscita ed esito strepitoso delle tue preparazioni....

    le meringhe devo farle da un bel pò....aspetto di avanzare qualche albume...

    RispondiElimina