CUCINA REGIONALE LIGURE: panissette frite

29 ottobre 2012

Ciao cari amici, eccoci al nostro appuntamento quindicinale con la cucina regionale. BABI e RENATA per oggi ci hanno suggerito di preparare i fritti. Quindi aspettatevi una cucina bella grassa e saporita!




Ecco cosa vi proponiamo.

CALABRIA:  crispeddi di ROSA ED IO

CAMPANIA: palle di riso di LE RICETTE DI TINA


SICILIA:  anelli di totani fritti di CUCINA CHE TI PASSA

TOSCANA:  baccalà alla livornese di NON SOLO PICCANTE

LOMBARDIA:  sciatt  di L’ANGOLO COTTURA DI BABI

VENETO:  frito de sardele di SEMPLICEMENTE BUONO

FRIULI VENEZIA GIULIA: crafen di NUVOLE DI FARINA

PIEMONTE:  fritto misto alla piemontese   di LA CASA DI ARTU'

EMILIA ROMAGNA:  chizze reggiane  di ZIBALDONE CULINARIO


TRENTINO ALTO ADIGE:  straboi e rostida di A FIAMMA DOLCE

PUGLIA:  pettl di BREAKFAST DA DONAFLOR

LAZIO:   filetti di b
accalà fritti alla romana   di CHEZ ENTITY

UMBRIA: 
arvoltolo di 2 AMICHE IN CUCINA 

MARCHE:  crema fritta  di LA CREATIVITA' E I SUOI COLORI 

ABRUZZO: panzarotti all'abruzzese di IN CUCINA DA EVA

VALLE D’AOSTA:  pattes dorée, pain perdu (frittelle di pane) e semolini fritti
  di L’APPETITO VIEN MANGIANDO


SARDEGNA:
  
frittelle con panna fortaies o frisgioli longhi  di VICKYART-ARTE IN CUCINA

BASILICATA: panzerotti  di PASTICCIANDO CON MAGICA NANA'

MOLISE:  cauciune di castagne  di LA CUCINA DI MAMMA LOREDANA 


.... e per la Liguria ci sono le panissette frite.


La polentina di farina di ceci è, per i Liguri, la panissa: si consumava calda, oppure fredda, tagliata a cubetti in insalata con le cipolle, o fritta. Quest'ultima preparazione è tuttora molto in uso, anche come cibo da strada e, nelle friggitorie di Sottoripa, il suo profumo riempie l'aria e si accompagna divinamente con i nostri bianchi, freschi e leggeri!


PANISSETTE FRITE - PANICCETTE FRITTE

300 g di farina di ceci
olio, sale, pepe

Stemperate la farina in un litro d'acqua, mescolando bene con una frusta per non fare grumi. Fate riposare il composto per almeno un'ora. Mettete a cuocere in una pentola antiaderente e mescolate in continuazione per evitare che si attacchi. Ci vorranno 40-45 minuti. Versate la polentina in un piatto piano unto leggermente d'olio e fate rassodare per tutta la notte. Tagliate la paniccia a bastoncini e friggete in olio profondo. Scolatela su carta assorbente, salate, pepate e servite subito.





E adesso una filastrocca, molto divertente :)

In sce questa grande ciassa   
l'è passòu 'na levre grassa:
questo chì o l'ha acciappà
questo chì o l'ha ammassà
questo chì o l'ha cheutta
questo chì ò l'ha mangià
questo chì ch'o l'é o ciù piccin
o l'ha leccòu u piattin! 


Non ve la traduco perché è facile da capire. Si recita ai bambini prendendo la loro manina e toccando il palmo, per la piazza, e le dita a cominciare dal pollice.


Stasera passo da voi, oggi ho lezione, un abbraccio a tutti.      

40 commenti:

  1. Simpaticissima la filastrocca :)) E stuzzicantissimi questi bastoncini di panissa. Uno tira l’altro. Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  2. questa è un'idea per un aperitivo!!
    anche da noi, in dialetto c'è la filastrocca della mano!
    baci

    RispondiElimina
  3. non so mai come utilizzare la farina di ceci, questa idea mi piace molto, un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  4. Ecco un'altra ricetta che dal nome mi incuriosiva:-) Non conoscevo questa ricetta Carla Emilia, ma direi che devono essere ottime:-).. conoscevo solo la farinata con la farina di ceci e invece guarda che bontà:-) Bravissima e buon lunedì:-) un abbraccio

    RispondiElimina
  5. E come non leccare il piattino!!!!!:))))) E' una vera delizia amica mia!!!!come sempre è un piacere passare a trovarti!bravissima come sempre e buona lezione!!!

    RispondiElimina
  6. Deve essere proprio buona questa ricettina , ma trovare la farina di ceci...
    Buon lunedì tesoro bacioni!!

    RispondiElimina
  7. Oh che ricordo le friggitorie Sottoripa, ci andavo una volta alla settimana per il pranzo, rigorosamente con le amiche, perchè un piatto così conviviale come il fritto secondo me non esiste,...grazie anche per la bella poesia!

    RispondiElimina
  8. Una vera bontà!! Ecco perchè amo i fritti, perchè si possono mangiare piatti come questo!
    bravissimaaaaaaaa!!!
    un bacione e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  9. Ogni tanto qualche fritto ci vuole;) queste non le conoscevo ma così con la farina di ceci mi sembrano davvero sfiziose:)))
    Un bacio e buon lunedi

    RispondiElimina
  10. Adoro le ricette regionali... sono così ricche e golose e trasmettono le tradizioni del nostro Paese nel modo migliore!!

    RispondiElimina
  11. ed ecco una ricetta che non conoscevo...molto invitante. Io , per esempio, con i ceci faccio le panelle e la farinata solo ma oltre questo niente. Grazie prima o poi provero', i ceci mi piacciono molto ^_^

    RispondiElimina
  12. troppo carina la filastrocca e saporitissima ricetta!Ciaoo buona settimana

    RispondiElimina
  13. facili e golosi, un bel modo di usare la farina di ceci,
    una cosa molto simile la facciamo con i pezzetti di polenta.
    Buona settimana, Laura

    RispondiElimina
  14. Ciao Carla, tu sai che sono inamoratissima della cucina genovese e ligure.La Panissa la mangerei anche a colazione, da pucciare nel capuccio.

    RispondiElimina
  15. Non ne avevo mai sentito parlare, ma l'idea di preparare qualcosa con la farina di ceci mi piace davvero tantissimo.
    A presto. Buona settimana.

    RispondiElimina
  16. Le conoscevo solo di nome, ma non le ho mai assaggiate e non vedo l'ora che arrivi il mio momento!! Dato che adoro la farina di ceci, non ho dubbi che mi piacerà moltissimo! Grazie Carla, buona giornata e a presto, Babi

    RispondiElimina
  17. Great blog!
    Hugs from Argentina.
    HD

    RispondiElimina
  18. Ma sai che la filastrocca la canticchia Rosa ....l'ha imparata a scuola...che ridere....
    e sai che non sapevo della farina di ceci...Una vergogna davvero non conoscere questa bontà!!!!!
    Un bacione Carla
    Buona settimana

    RispondiElimina
  19. ottime! se le vede mio marito, sono fritta :-))
    devo fargliele!!!
    ciao
    cris

    RispondiElimina
  20. Che emozione!
    quella filastrocca mi ricorda la mia nonna...
    quanti anni passati...

    A presto

    Monica
    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
  21. che bella questa ricetta, io con la farina di ceci non ho molto feeling perchè qui non si usa, ma da te scopro tant belle ricette. Un bacione

    RispondiElimina
  22. Ciao Carla! Ma sai che adoro la panissa fritta ma non l'ho mai preparata con le mie manine...provvederò!!! Un abbraccio tesoroooooooo

    RispondiElimina
  23. ottima idea per utilizzare la farina di ceci!
    bravissima!
    un bacio

    RispondiElimina
  24. Non siamo brave a utilizzare la farina di ceci, per fortuna da te troviamo sempre delle ricette interessanti!! Brava come sempre!
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  25. semplici ma buone! non sapevo che si potessero fare queste meraviglie con la farina di ceci!ciao da In cucina da Eva

    RispondiElimina
  26. Ho iniziato ad utilizzare la farina di ceci da quando mi sono trasferita a Pisa. Quest'idea per utilizzarla, la trovo ottima. La proverò :)

    RispondiElimina
  27. ciao cara...che sfiziose queste panissette ...con la farina di ceci devono essere buonissime! e poi fritte...irresistibili!!! insomma non si finisce mai di scoprire le squisitezze di altre regioni!
    e la poesia...simpaticissima!!!
    bacioniiiiiiii

    RispondiElimina
  28. Ma sai giusto ieri avevo pensato di fare la panissa?! io ne vado matta proprio come per la farinata!!! Da me c'è una filastrocca simile che nn ricordo però tutta, me la devo far ridire, inizia: pesigu de ratu ratin, e si dice pizzicando piano piano la pelle sulle nocche delle mani dei bimbi... son tornata, pare, ma purtroppo il lavoro mi impegna un sacco nei gg in cui mi chiamano a lavorare, perciò il blog viene un messo da parte con grande rammarico...ma ti penso spesso!bacioni carissima!

    RispondiElimina
  29. Una ricetta che si lascia desiderare per i tempi di attesa, ma sono sicura che ripaga in pieno.
    Naturalmente non mi è mai capitato di mangiarla, dalle mie parti la farina di ceci si trova, ma è pochissimo utilizzata.

    Un'ottima ricetta.
    Buona settimana

    RispondiElimina
  30. Un'ottima alternativa, forse più grassa ;-), alla farinata. Mi piace! Domani vado al super e vedo se c'è la farina di ceci.
    Sapevo la filastrocca così: piazza, bella piazza, incontrai una pecora pazza. Il primo l'acchiappò, il secondo.....
    Buona serata Anna

    RispondiElimina
  31. taaaaaanto golosa!! a me un cartocio grazie!

    RispondiElimina
  32. Fai presto a dire non ve lo traduco tanto si capisce. Ma questo è in portoghese... traduci in italiano che avrò capito si o no un paio di parole!!!!
    Invece ho capito benissimo che le panissette mi piacerebbero un sacco!!! Che fai me le prepari??? Bacione... e un abbraccio a Micol, bella di nonna!!

    RispondiElimina
  33. Queste panissette "frite" mi piacciono troppo. Già penso agli abbinamenti

    RispondiElimina
  34. Io non sono piccolina e quindi non lecco il piattino (ho tradotto bene?) ma voglio un bel cartoccio di queste panissette che devono essere buonissime!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  35. sai ke le avevo preparate ma poi non sono riuscita per tempo a friggerle? quindi ahimè buttato tutto e non so come siano! mannaggia di sicuro buonissime!le devo rifare e ti saprò dire! :D cmq anche il mio fegato ha reclamato oggi ... di gioia :D ciao carissima!

    RispondiElimina
  36. Un fritto molto invitate, con la farina di ceci poi una lecconeria.
    A presto

    RispondiElimina
  37. abbiamo una filastrocca simile con la zuppa...me la cantava mia madre da piccola.... bellissima!
    non sapevo che si facesse friggere la panissa....grandiosa!

    RispondiElimina
  38. e meno male che me lo hai segnalato, questo post, che rischiavo di perdermi anche questo... ma solo a me capita di non potermi neanche più concedere un fine settimana fuori? Da ragazza, non c'era venerdì che non mi vedesse con la valigia in mano: mi ricordo che una volta mio papà aveva chiesto perplesso com'è he in un mese ci sono 4 settimane e io ero riuscita a farmi 5 week end :-) ora, parto due volte l'anno- e quando arrivo, è troppo tardi per tutto, dall'asse da stiro ai commenti sul blog :-)

    dopo la focaccia, il vero cibo di strada a genova son le panissette fitte. gni volta che arriva qualche foresto, lo portiamo nelle friggitorie del centro storico e gli mettiamo in mano un cartoccio di queste meraviglie qui. Mia nonna e mia mamma facevano anche la panissa condita- di nuovo, ma quanto è buona?? e comunque, bravissima, Carla, a far riscoprire queste tradizioni1 non conoscevo l'iniziativa, ma la seguirò con interesse.
    Un bacione
    ale

    RispondiElimina
  39. Non conoscevo questo fritto con la farina di ceci, ma mi piace, e mi pice anche la filastrocca, complimenti!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  40. Mai mangiati..ma immagino la bonta'!Sfiziosa la filastrocca...
    ciaooo

    RispondiElimina