CUCINA REGIONALE LIGURE: i battolli

15 ottobre 2012

Ciao cari amici, eccoci al nostro appuntamento quindicinale con la cucina regionale.
BABI e RENATA questa settimana ci hanno proposto di cucinare con le castagne e la frutta secca. Un tema molto adatto alla stagione, quindi venite a curiosare nelle nostre cucine profumate d'autunno!




CALABRIA:  crocette di ROSA ED IO

CAMPANIA: castagne allesse di LE RICETTE DI TINA

SICILIA:   pasticcini di pasta di mandorle di CUCINA CHE TI PASSA

TOSCANA:  castagnaccio di NON SOLO PICCANTE

LOMBARDIA:  busecchina  di L’ANGOLO COTTURA DI BABI

VENETO:  minestra di marroni di SEMPLICEMENTE BUONO

FRIULI VENEZIA GIULIA: torta povera di NUVOLE DI FARINA

PIEMONTE:  risu e castògne sèche di LA CASA DI ARTU'

EMILIA ROMAGNA:  castagnaccio alla ricotta  di ZIBALDONE CULINARIO

TRENTINO ALTO ADIGE:  zuppa di funghi e castagne in crosta di A FIAMMA DOLCE

PUGLIA:  chiacune di BREAKFAST DA DONAFLOR

LAZIO:  agnolotti con le castagne dop di Vallerano di CHEZ ENTITY

UMBRIA:  brustengolo di 2 AMICHE IN CUCINA 

MARCHE:  tagliatelle con le noci di LA CREATIVITA' E I SUOI COLORI 

ABRUZZO: sassi d'Abruzzo di IN CUCINA DA EVA

VALLE D’AOSTA: 
castagne sciroppate, tagliatelle con farina di castagne fontina e noci, torta di noci di Courmayeur  di L’APPETITO VIEN MANGIANDO

SARDEGNA:
  ciambelline veloci all'arancia e mandorle, senza latte e uova  di VICKYART-ARTE IN CUCINA

BASILICATA: castagnaccio  di PASTICCIANDO CON MAGICA NANA'

MOLISE:  ostie richiene  di LA CUCINA DI MAMMA LOREDANA 


.... e per la Liguria ci sono i battolli.

Questa è una ricetta dell'entroterra del Levante ed è praticamente scomparsa, anche se prima dell'ultima guerra veniva ancora preparata. La farina di castagne si impiega in molte preparazioni, ma l'uso di queste tagliatelle, cotte nel latte, pastose e delicate, servite con un sugo semplice, profumato di erbe della nostra terra, è un ricordo. Ve le ripropongo perciò molto volentieri, per offrirvi una Liguria nascosta ma molto saporita.


TAGLIATELLE LEVANTINE – BATTOLLI

200 g di farina 00
200 g di farina di castagne
1 bicchiere di vino bianco secco
latte
500 g di pomodori datterini
1 cipolla bianca piccola
rosmarino, salvia, maggiorana, basilico
1 manciata di pinoli
olio, sale
parmigiano o pecorino grattati

Impastate le farine con un pizzicone di sale, il vino e l'acqua sufficiente ad ottenere una pasta morbida ed elastica. Avvolgete nella pellicola e fate riposare. Preparate intanto il sugo mettendo a cuocere i pomodori lavati, spellati e privati dei semi con poco olio e una cipolla tritata. Dopo un'ora circa, unite le erbe e i pinoli tritati, un giro d'olio e lasciate sobbollire ancora per 15-20 minuti. Regolate il sale. Tirate la pasta e preparate le tagliatelle, fatele cuocere in acqua e latte, scolatele e conditele con il sugo. A piacere servite con parmigiano o pecorino grattato.





E ora la poesia.


INNAMUOU

O l'é successo ancheu. Sensa pietae.
O' comensòu a pensaghe da-a mattin
a-o sò sorriso, a-o cado da sò man
e me son ritrovòu a canticchià
mì, proprio mì, che pe giascià un motivo
no me saiae bastòu 'na cannonà.
Me paìva d'ese scemmo, e, in to çervello,
drito un carroggio o me portava a lé:
a l'éa in televixion davanti a mì
ch'a l'annunziava doçi primmaveje
a-e mae giornae visciue pe tanto tempo
co-a pelle d'oca, sensa un po de so.
Me se desgruppa drento 'na matassa
e, quàexi, no me riconoscio ciù:
me vegne coae de cianze, e invece rio
e mentre rio, za sento che cianziae...
Che o segge un scherso da feliçitae?


INNAMORATO

E' accaduto oggi. Senza pietà./ Ho cominciato a pensare dal mattino/ al suo sorriso, al caldo della sua mano/ e mi sono ritrovato a canticchiare/ io, proprio io, che per masticare un motivo/ non mi sarebbe stata sufficiente una cannonata./ Mi pareva d'essere rincretinito, e, nel cervello,/ dritto un vicolo mi portava a lei:/ era in televisione davanti a me/ che annunciava dolci primavere/ alle mie giornate vissute per tanto tempo/ con la pelle d'oca, senza un po' di sole./ Si scioglie dentro di me una matassa/ e, quasi, non mi riconosco più:/ mi viene voglia di piangere, e invece rido/ e mentre rido, già sento che piangerei.../ Che sia una scherzo della felicità?


Stasera passo da voi. Oggi sono a Savona per la lezione di Scienze Motorie.  Spero che il maltempo non remi contro di me! Bacioni.

34 commenti:

  1. Peccato che queste buone ricette vadano perdendosi.. Devono essere buonissime:-) complimenti Carla Emilia:-) mi sa che proverò questa ricetta, buona buona:-) un abbraccio e buon lunedì e spero che il dolore alla schiena sia passato:-) Cinzia

    RispondiElimina
  2. Dal nome non avevo assolutamente capito e mi aspettavo un dolce con la farina di castagne. Che gustosa sorpresa queste tagliatelle rusticose. Ho proprio voglia di provarle :) Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  3. Mai sentiti!!!!cosa mi sono persa finora!!!!!!meno male che c'è questa rubrica a ricordarci che l'Italia è tutta da scoprire!!!Se poi a cucinare questi piatti ci sei tu.-..beh allora siamo a cavallo!!!!Sei come sempre eccellente. U n abbraccio

    RispondiElimina
  4. Nemmeno io avevo capito hihihihiih..fantastiche!!!Bravissima

    RispondiElimina
  5. Un piatto fantastico, Carla! :D Nemmeno io mi aspettavo delle tagliatelle, devono essere squisite, bravissima! :) Un abbraccio e buon inizio settimana :)

    RispondiElimina
  6. Le tagliatelle con la farina di castagne mia mamma ne andrebbe matta!!!! In questo periodo non ho molto tempo ma prima o poi le devo provare;)
    Bacioni

    RispondiElimina
  7. Ma che idea le tagliatelle con la farina di castagne!!
    Sempre piena di belle idee!
    Un bacione tesoro
    buon lunedì!!

    RispondiElimina
  8. Ma che ricetta fantastica!!!
    Come sempre ci regali ricette favolose e anche bellissime poesie!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  9. Bellissima ricetta, le tue paste fresche preparate a mano ci fanno sempre venire una gran fame.
    Complimenti.
    Elisa e Laura.

    RispondiElimina
  10. Ma come si fa a far comparire una meraviglia culinaria come questa? Fortuna che ci sei tu che ci fai scoprire questo piatto!
    Bravissima non solo per aver ritrovato questa ricetta ma anche per la presentazione! Sono fatti benissimo complimenti davvero tesoro!!
    bacioni e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. che nome curiosoooo!!! però che buono!! non conoscevo affatto questo piatto, sapevo che si usano le castagne per la pasta, ma non sapevo come, buono!

    RispondiElimina
  12. mi piace il lunedì quando posso passare a leggere le tue fantastiche ricette regionali, questa l'ho già segnata e sarà uno dei miei prossimi primi.
    Speriamo bene per il tempo! un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
  13. Carla Emilia, non avevo ancora capito il valore di questa bellissima iniziativa di Babi e Renata, ma facendo il consueto giro d'Italia, sto apprezzando ricette così antiche e cariche di storia da farmi commuovere.

    E' una minaccia, ma prima o poi ti piombo in casa e m,i auto invito!!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  14. e bellissima questa vostra iniziativa,fa scoprire meraviglie e delizie di tutta l'Italia...brave ragazze,continuate sempre cosi:)

    RispondiElimina
  15. per fortuna con questa rubrica ridiamo vita a ricette che stanno scomparendo e che sarebbe un peccato, piatto di pasta molto invitante, un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  16. Ciao cara Carla! Io sto bene grazie! :)
    Torno sempre con piacere a sbirciare le meraviglie del tuo blog...e della tua cucina! :)
    A presto!

    RispondiElimina
  17. Sapevo cosa fossero i battolli perché me lo avevi detto... altrimenti non ci sarei mai arrivata. Ma non immaginavo fosse una di quelle ricette "scomparse". In un certo senso con questa rubrica stiamo diventando un po' come il WWF per gli animali... difendiamo le "ricette in via d'estinzione"... e mica è poco, ragazzi!! Da raccogliere e tenere custodita gelosamente nelle nostre agende!!! E poi secondo me è di un buono...
    p.s. Cerca di tornare a casa senza l'aiuto dei sommozzatori... bacio!

    RispondiElimina
  18. ma che belle queste tagliatelle, dal nome mi chiedevochissà cosa avevi preparato. I tuoi post sono sempre così ricchi che non vedo l'ora di legegrli ogni volta. Ma ci sarai anche tu il prossimo 6 novembre nel qaunti modi di fare e rifare? mi farebbe davvero piacere. Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  19. Tesoro spero davvero che il mal tempo non arrivi...Intanto mandandoti un pò di sole Calabrese a cacciare via le nubi ti scrivo COMPLIMENTI!!!!!!!!!!!!!Delle tagliatelle davvero saporite e bellissime!!!!!!!
    Un bacione Carla

    RispondiElimina
  20. Fantastiche le tue tagliatelle!! Spero davvero che le piogge ed il vento di oggi non arrivino da voi, erano davvero fortissimi. Un bacione e grazie dello splendido post, Babi

    RispondiElimina
  21. Non ho mai sentito di questo piatto, appena torno dal mio viaggio provo a fare questa pasta! Liguria è un tesoro non scoperto ancora...ciao, baci!

    RispondiElimina
  22. Anche io oggi ero impegnatissima e mi sto gustando il giretto serale tra i vostri blog. Queste ricette della tradizione ligure mi fanno bene al cuore, come la poesia in dialetto!

    sei sempre super!!!

    RispondiElimina
  23. Bello semplice e gustoso, provero' ad imitarti .
    A presto

    RispondiElimina
  24. ottima ricetta e se ti va partecipa al mio contest di ricette tradizionali. Hai un max di 3 ricette e ti lascio il link. Ciao a presto
    http://apanciapiena.blogspot.it/2012/10/il-mio-primo-contest.html

    RispondiElimina
  25. Ma dai le cuoci in acqua e latte...davvero particolare, l'aspetto è favoloso, una voglia di assaggiarle... bacioni e buona settimana!

    RispondiElimina
  26. Questa è una ricetta che sa tanto di tradizione nel vero senso della parola. Prendo nota e proverò quanto prima!

    RispondiElimina
  27. che ricettina!! nn è come da me che si batte la fiacca!!
    baci!!

    RispondiElimina
  28. cara mia...i piatti di una volta...un sogno sono!!! solo a sentirli nominare ne senti sapori e gusti antichi....sono i piatti che sanno davvero di buono e di... amore!!!
    e le tue tagliatelle ...si che sono una delizia incredibile! bravissima Carla!
    e spero che non hai trovato cattivo tempo al rientro!
    un bacione grande

    RispondiElimina
  29. Fantastiche le tue tagliatelle...

    RispondiElimina
  30. Ciao Carla, ho sempre sentito parlare di queste fettuccine con la farina di castagne, ma non le ho mai assaggiate, devono essere davvero buone, da provare!!!Qui per fortuna c'e' stato piu' allarmismo che altro il cattivo tempo si e' risolto in una pioggia di un ora ma niente di importante, mentre li da voi ho visto che la situazione e' stata piu' dannosa, speriamo oggi migliori!!!Buona giornata a Savona!!!

    RispondiElimina
  31. Che buoni con la farina di castagne!!!!

    RispondiElimina
  32. Ciao volevo invitarti al nostro concorso
    http://orodorienthe.blogspot.it/2012/10/buongiorno-tuttei-voi-e-con-viva-e.html

    RispondiElimina
  33. tagliatelle di castagne al ragù?! che dire, sono da provare! oddio ingrassero un centinaio di chili per tutte le belle proposte di questa sezione con le castagne! meravigliose e buone! ciao cara!

    RispondiElimina
  34. Questo piatto "antico" è davvero straordinariamente moderno. Sarebbe stato un peccato perdere questa ricetta, fortuna che ce l'hai fatta conoscere... adesso non c'è davvero più il rischio che vada perduta.
    Un bacione.

    RispondiElimina