Una copia ufficiale e consentita

22 marzo 2012

Ciao a tutti, sono stanchissima. Oggi non sono andata al lavoro e nel silenzio della mia casa ho elaborato la lezione di domani. Ci ho ricamato sopra allo sfinimento, presumo che verrà fuori una bella cosa e che finalmente riuscirò a dimostrare che se funziona male un ormone, funzionano male anche gli altri e vanno a pallino la metà delle funzioni dell'organismo: parlerò del bilancio idrico-salino e di ipertensione. Basta ora non voglio pensarci più fino a domattina!

E adesso mi dedico al contest di ELIFLA e a MURZILLO SAPORITO.
Dopo aver copiato una ricetta della mia carissima LOREDANA, mi è venuta la scuffia di copiare ancora e in piena legittimità :)



Il blog di Murzillo è carino assai e pieno di belle ricettine, questa mi ha colpito piacevolmente, me la sono immaginata in bocca e mi è sembrata eccezionale. E' possibile, secondo le regole, modificare un ingrediente e quindi ecco la mia interpretazione di

MILLEFOGLIE DI POLENTA ALLA RANA PESCATRICE

150 g di farina per polenta istantanea
400 g di rana pescatrice
150 ml di panna
prezzemolo
uno spicchio d'aglio
olio EVO
1/2 bicchiere di vino bianco

Preparate la polenta secondo le istruzioni della confezione, quindi versatela su un piano allo spessore di circa 1/2 cm e fate raffreddare completamente. Cuocete al vapore la rana pescatrice, poi pulitela e sminuzzatela finemente. Fate insaporire lo spicchio d'aglio con poco olio, quindi toglietelo e unite la pescatrice e il vino, fate sfumare, quindi aggiungete la panna e mantecate bene, mescolando. Dovrete ottenere quasi una crema. Regolate il sale. Tagliate la polenta in dischetti con l'aiuto di un coppapasta e fatela tostare in forno a 180° per pochi minuti. Impiattate alternando dischi di polenta e pescatrice. Spolverate con il prezzemolo tritato e servite.

La ricetta di Murzillo è QUI. Ho preferito lessare il pesce e ripassarlo con poca panna, anziché friggerlo e metterlo al sugo, perché lei stessa dice che risulta un po' pesante. Così mi è parso più leggero e gradevole: il sapore delicato della pescatrice non viene coperto ed esalta la semplicità della polenta.





Ora passo da voi come al solito e poi mi guardo Montalbano. Baciotti a presto :D

24 commenti:

  1. bellissima reinterpretazione della ricetta!!! La lezione di domani andrà benissimo e se vedi qualche studente con la faccia da "non ci sto capendo nulla" pensa che è la faccia da pesce bollito!!! ciaoooo Anna

    RispondiElimina
  2. Sei una donna dalle mille virtù!!!!Secondo me sei un'insegnante straordinaria!!lo sento ....E poi come chef...non ne parliamo!!!!!Questa ricetta mi conquista in pieno"!In bocca al lupo per domani!!!!Un grande abbraccio!!

    RispondiElimina
  3. Più parli delle tue lezioni e più mi dispiace non poterle seguire!!
    Hai scelto una bellissima ricetta, provo anche io ad immaginare il sapore, ma non ci riesco, penso proprio che dovrò provarla!

    Ti lascio un saluto per il we, da domani io e la mia famigliola saremo a Perugia, ci risentiamo lunedì!!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  4. Ciao...sono veramente felice di essere arrivata al tuo bellissimo blog....da oggi ti seguo anch'io!!passa anche da me se ti fa piacere!

    RispondiElimina
  5. Ciao , ti volevo dire che ho risolto i problemi con il blog, grazie! Sei sicuramente una bravissima insegnante!
    Una deliziosa ricetta!

    RispondiElimina
  6. ciao Carla!
    un bacio auguroni per domani!

    RispondiElimina
  7. Anch'io mi sto gustando Montalbano!!!!!!
    Un bacione Carla e splendida ricetta...il tuo tocco è sempre speciale!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Di sicuro sei una brava isegnante ma come chef non sei da meno! Questo piatto è davvero singolare, complimenti!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Decisamente un ottimo piatto: capisco perchè ti ha ispirato! Credo che quando si mette passione in ciò che si fa, sia esso lavoro o hobby, ciò che ne viene fuori non può essere meno che buono, anche se costa fatica. Andrai alla grande. E poi penso che gli argomenti che tratti siano veramente interessanti. Ciao a presto

    RispondiElimina
  10. Amica mia carissima, la presentazione è come sempre elegantissima!!! Io potrei rifarla solo cambiano la crema, e ora che ci penso con un bel "pistù" di lardo credo che ci starebbe proprio bene!!!!
    Buona lezione per domai e sogni d'oro
    baci

    RispondiElimina
  11. La rana pescatrice è delicatissima, peccato sia così cara!
    La ricetta che hai presentato è davvero deliziosa!
    Mi ha incuriosito tantissimo l'abbinamento con la polenta!
    Devo provarci!

    P.S.Mi hai molto incuriosito con le tue lezioni, ma se posso chiederlo cosa insegni?
    Io sono biologa e... gli argomenti che hai citati, non mi sono affatto nuovi! Ciao a presto! ^__^ Any

    RispondiElimina
  12. ma sai che anch'io pescatrice oggi! è buonissima e la tua versione davvero particolare con polenta!
    baci

    RispondiElimina
  13. fantastica ricetta tutta da gustare

    RispondiElimina
  14. Ciao carissima che bella ricetta e poi le tue presentazioni sono sempre da grande chef!!!Un bacione grande e buona giornata!!!

    RispondiElimina
  15. Quanto mi piace il titolo di questo post tu non lo puoi capire e non puoi neanche capire quanto sono contenta che ti sia piaciuto copiare da riprovarci con THE RECIPE-TIONIST, grazie ...soprattutto per aver tirato fuori una ricetta tanto intrigante ...bacioni e buon weekend, Flavia

    RispondiElimina
  16. Ciao, mi piace questa tua versione in bianco...ho sempre visto la rana pescatrice come un pesce "da sugo" ma credo che proverò anche questa tua versione light.
    Sono felice che ti sia piaciuta la ricetta e grazie per aver partecipato. Un bacio
    Valeria

    RispondiElimina
  17. Splendida! Idea raffinatissima! Complimenti Carla! :)

    RispondiElimina
  18. Mille complimenti per una millefoglie chic e sicuramente di gusto. Ciao.

    RispondiElimina
  19. Come sempre sei perfette nei tuoi piatti e credo che questa caratteristica tu l 'abbia anche nell insegnamento per cui farai una grande lezione :-) un abbraccio

    RispondiElimina
  20. che balla ricetta che valorizza al meglio sia la polenta e che il pesce, sopratutto l'accostamento dei sapori mi piace molto

    RispondiElimina
  21. Ricetta golosa e d'effetto! avrei voluto partecipare anch'io a reciptionist di marzo, proprio come te ho preso gusto alla copia libera, ma non ce l'ho fatta, non ho avuto il tempo di girare per il blog di Murzillo. Sarà per la prossima volta. Buon w.e., Laura

    RispondiElimina
  22. ricetta strepitosa e d'effetto , ciao

    RispondiElimina
  23. Una ricetta molto interessante. hai preparato il pesce in modo gustoso e leggero! La presentazione con i dischi di polenta è originalissima ... e tu sei una grande chef! Grazie mille del bellissimo pomeriggio passato in tua compagnia!:) Notte cara, un abbraccio!

    RispondiElimina
  24. ..se funziona male un ormone, vanno male anche gli altri.. un po' come dire che il riverbero di un'onda scompone tutta la superficie.
    Ma la tua copia ufficiale e consentita è davvero interessante, quanto ci piace il mare e monti? A me tantissimo, grazie cara Amica, un bacione e riposati per le prossime lezioni, se sei una prof. come sei una cheffa, sei grande!

    RispondiElimina